Nayt

CALLING – NAYT: “ALTRI GUARDANO ALLA FORMA, IO BADO ALLA SOSTANZA”

Torna l’appuntamento con “Calling”, il format lanciato da Stefano Fisico a tu per tu con gli artisti più importanti della scena musicale italiana. Il protagonista di questa nuova chiacchierata confidenziale è Nayt
0 Condivisioni
0
0
0

Torna l’appuntamento con “Calling”, il format lanciato da Stefano Fisico a tu per tu con gli artisti più importanti della scena musicale italiana. Il protagonista di questa nuova chiacchierata confidenziale è Nayt

Stefano Fisico chiama, Nayt risponde. Parte così il nuovo appuntamento di Calling, ospite speciale è il William Mezzanotte, rapper classe ’94 in uscita con il suo nuovo album di inediti “Mood”, pubblicato lo scorso 4 ottobre.

«Il riscontro che c’è stato, soprattutto nei primi giorni, mi ha abbastanza stupito. Ci speravo e ci credevo, però non era affatto scontato che arrivasse a così tante persone. Sono contento del lavoro realizzato, trovo che sia un messaggio importante da dare, soprattutto in un’era così social, dove c’è sempre qualcuno che sembra stia facendo più di te. Un progetto come questo, invece, premia la qualità e la passione» racconta l’artista, giovanissimo ma già un punto di riferimento per tanti ragazzi.

Attraverso queste tredici tracce, Nayt si mette a nudo, mostrando sia il suo lato più impulsivo che quello più introspettivo, coniugando tecnica e istinto in un unicum musicale. Un giusto mix tra energia e malinconia, rappresentate visivamente dal colore rosso e dal colore blu.

«La musica è in grado di coinvolgere, emozionare e far immedesimare le persone in qualsiasi momento storico. Il mio obiettivo è sempre quello di arrivare a chiunque, in Italia e non, nel presente ma anche nel futuro. Questo disco è un viaggio attraverso gli stati d’animo di un ragazzo della mia generazione, non più adolescente ma neanche pienamente adulto, che acquista consapevolezza dell’epoca e del contesto in cui vive».

Questo e molto altro ancora è “Mood”, un album che coinvolge coetanei e che incuriosisce persone più grandi, riportandoli a familiarizzare con i propri ricordi. Un disco più universale che generazionale, che si rivolge agli ascoltatori più per sensibilità che per anagrafica.

Un artista che va alla sostanza, con uno stile semplice, diretto e un linguaggio concreto, nuovo, comprensibile e coinvolgente, a stretto contatto con il suo pubblico. «Personalmente do molta importanza alla musica, tendo ad aspettare il momento giusto, l’occasione giusta, i pezzi giusti. Non mi va di fare le cose a c***o, proprio per questo non faccio featuring giusto per farli, a differenza di tanti altri. Ogni scelta deve essere ponderata, non bisogna sottovalutare nulla».

Di seguito la puntata completa con Nayt disponibile sul nostro canale YouTube. L’appuntamento con Calling si rinnova tutti i lunedì, mercoledì e venerdì alle 19.30 in diretta sul profilo Instagram @stefanofisicodj

Ti potrebbe anche piacere