CALLING – EDOARDO BENNATO: “SANREMO? IO SONO UN TIPO ROCK”

Torna l’appuntamento settimanale con “Calling”, il format lanciato da Stefano Fisico a tu per tu con gli artisti più importanti della scena musicale italiana. Ospite di questa nuova chiacchierata è Edoardo Bennato.

Tra gli artisti che ha fatto la storia della musica italiana, Edoardo Bennato torna con un nuovo album che da uno sguardo al passato ma anche al futuro. Il titolo è “Non c’è”, un pò come quella famosa isola che mai nessuno è riuscito realmente a trovare.

“In primavera ero chiuso in casa e mi mettevo a cantare un brano in finto inglese, così a mio fratello Eugenio venne l’idea di adattarlo e scrivere un testo in italiano, una ballata acustica. Con questa sono entrato in carburazione e abbiamo fatto un album con canzoni del passato e nuove, perché anche i brani di una volta sono attuali“.

Queste le parole dell’artista di origini napoletane che poi ha ripercorso la sua carriera parlando della sua vita, di alcuni aneddoti ma soprattutto degli amici di sempre.

“Sono stato il primo rocker a suonare a San Siro e da sempre sono circondato dai miei amici del cortile di Bagnoli. Anni fa azzardammo a fare 15 stadi… San Paolo, Marassi, Torino, Friuli… San Siro volevo rimandarlo perché mi accorsi che nella penultima data, a Massa Carrara, l’impianto non era perfetto… Milano era il giorno seguente. Me ne andai in spiaggia… presi un pattino e andai al largo… poi a un certo punto un bagnino mi disse che mi volevano al telefono i ragazzi del cortile. L’impianto era sistemato, avremmo completato il tour a San Siro come da scaletta”.

Da giovane Edoardo sognava di diventare architetto divertendosi, spesso, a disegnarsi le copertine dei dischi. Architetto e cantante, si trasferì a Milano e iniziò a proporsi alle case discografiche. La Ricordi gli diede una chance ma la sua musica non venne subito apprezzata e così dopo poco lo mollarono. Siamo a metà degli anni ’70, qui Bennato decide di giocarsi le sue ultime carte con i festival alternativi.

“Sanremo in quegli anni aveva perso appeal, così feci tutti i festival alternativi dove trovai la vera avanguardia della musica italiana… anche un Franco Battiato alle prime armi. Ottenni un grande successo e grazie a questo la Ricordi mi richiamò per incidere il 45 giri di “Salviamo il Salvabile”, siamo nel 1974. Diciamo che sono sempre stato da un’altra parte rispetto al Festival di Sanremo, anche perché non mi è mai piaciuto il tipo di ambiente… la pensava come me anche Fabrizio De André“.

Di seguito trovate la puntata completa con Edoardo Bennato disponibile sul nostro canale YouTube. L’appuntamento con Calling si rinnova tutti i lunedì, mercoledì e venerdì alle 19.30 in diretta sul profilo Instagram @stefanofisicodj

Seguici

Latest

FABRIZIO POGGI ELETTO ARTISTA DELL’ANNO DA “BLUEBIRD REVIEWS”

L’armonicista italiano di fama internazionale FABRIZIO POGGI è stato eletto ARTISTA DELL’ANNO dalla prestigiosa rivista statunitense BLUEBIRD REVIEWS (che precedentemente aveva premiato John Mayall,...

MI-TOMORROW E STEFANOFISICO.IT, UNA REDAZIONE ALLARGATA PER LA MUSICA

Il quotidiano cartaceo milanese aumenta le pagine dedicate alla musica e all'intrattenimento, collaborando con il nostro web magazine

COLAPESCE, DIMARTINO: “UN MESSAGGIO PESANTE IN UNA VESTE RADIOFONICA”

Colapesce Dimartino, in conferenza stampa, hanno parlato del loro brano sanremese "Musica Leggerissima" e della cover di "Povera Patria" di Battiato.

FUORI A SORPRESA IL NUOVO SINGOLO DI BRITNEY SPEARS

È uscito a sorpresa, il giorno del suo compleanno, “Swimming In The Stars” brano inedito dell’icona pop multiplatino Britney Spears! 

COVID-19: UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA GRAZIE ALLE PAROLE COMMOSSE DI J-AX ED ELISA

J-Ax, colpito dal Covid-19, in un video parla della terribile esperienza tra speranza e paura. Ma non è l'unico artista che esprime senza paura il suo punto di vista