MATTEO ROMANO

MATTEO ROMANO: “CONCEDIMI? NATA PER CASO IN CAMERETTA”

Torna l’appuntamento con “Calling”, il format lanciato da Stefano Fisico a tu per tu con gli artisti più importanti della scena musicale italiana. Protagonista di questa nuova amichevole chiacchierata è MATTEO ROMANO.
0 Condivisioni
0
0
0

Torna l’appuntamento con “Calling”, il format lanciato da Stefano Fisico a tu per tu con gli artisti più importanti della scena musicale italiana. Protagonista di questa nuova amichevole chiacchierata è MATTEO ROMANO.

Concedimi” è una canzone universale e attualissima, tutti almeno una volta nella vita hanno provato i sentimenti che canti. Mentre scrivevi il pezzo ti sei reso conto della sua universalità?

“No, in realtà me ne sono accorto solo dopo! Per me la canzone rappresenta una situazione particolare, un momento preciso in cui ho pensato “Voglio scrivere di questo perché questa persona mi fa sentire in questo modo”, quindi mai avrei pensato che potesse essere una cosa così universale, in cui così tante persone si ritrovano. In realtà non ci si rivede solo chi ha provato delusioni in amore, ognuno la interpreta come crede ed è anche bello così!”

Quando è nata la tua passione per il pianoforte, per la musica e poi per la scrittura?

“La mia passione principale è quella per il canto, ho sempre amato cantare fin da quando ero piccolo. Ci sono delle foto di me da piccolo con il microfonino, mi ricordo che mi ero fatto regalare il “Canta Tu” a Natale! Circa 5 anni fa ho iniziato a prendere lezioni di canto e dopo 3 annetti poi ho iniziato anche con quelle di pianoforte, perché volevo accompagnarmi nel canto. In qualche modo è stato naturale iniziare a scrivere e a comporre le mie cose”

Normalmente quando si inizia a scrivere si ha un po’ paura di condividere le prime cose perché si teme un po’ il giudizio degli altri. Tu con chi è che ti sei aperto per la prima volta?

“Penso di essermi aperto con qualche mio amico. Ho un gruppo di amici con cui ci conosciamo da tantissimi anni, quindi le canzoni le faccio sempre ascoltare solo a loro o ai miei genitori. I miei genitori però sono venuti dopo, perché come dicevi tu, all’inizio mi sentivo un po’ a disagio a far sentire loro le mie cose essendo molto personali. All’inizio addirittura scrivevo in inglese per non farmi capire…”

Prima di chiudere ci siamo promessi che ci fai sentire qualcosa… Presenta tu! Così inizi a prendere confidenza, come se fossi in un live.

“Questo è un brano che ho scritto qualche mese fa. Parla un po’ di delusione, di un amore immaginario verso il quale ci si continua ad illudere, ma nonostante la disillusione continuiamo ad essere innamorati e continuiamo a sperare che l’altra persona in qualche modo ci possa concedere questo ultimo ballo… Ecco a voi “Concedimi”!”

Di seguito la puntata completa con Matteo Romano disponibile sul nostro canale YouTube. L’appuntamento con Calling si rinnova tutti i lunedì, mercoledì e venerdì alle 19.30 in diretta sul profilo Instagram @stefanofisicodj

Ti potrebbe anche piacere