ARISA: “IL MIO CANTO CONTRO I NARCISISTI E I MANIPOLATORI AFFETTIVI”

Torna in riviera con una nuova consapevolezza Arisa,Potevi fare di più è il titolo del brano cucito su misura per lei da Gigi D’Alessio

Arisa Sanremo 2021

Quali sono i versi in cui ti sei riconosciuta sin dal primo ascolto?

«In realtà mi ha colpito tutto il testo, dal primo all’ultimo verso. Ci sono entrata dentro sin da subito, ho rivisto gran parte della mia condizione amorosa degli ultimi dieci anni. Capita spesso di prendere delle scelte che ti soddisfano a metà, che non ti fanno sentire completamente bene. Ho capito sulla mia pelle che è fondamentale imparare a pretendere di più, dagli altri e in primis da noi stessi. Questa è la storia di un amore spento che, però, si conclude con una ritrovata e rinnovata libertà».

Quale messaggio ti piacerebbe riuscire a trasmettere a chi si è ritrovano intrappolato in una relazione tossica?

«Che la vita è individuale, ognuno di noi nasce per fare un suo viaggio, dal nostro vagone possono salire e scendere diverse persone, ma alla fine l’itinerario lo decidiamo singolarmente. Non bisogna farsi scalfire dagli altri, soprattutto dalle persone che tendono a farci calare l’autostima. In questo ultimo periodo sto imparando a fidarmi di chi ho intorno, ma con riserva. Della serie: “mi fido, voglio bene a tutti, ma l’ultima parola è la mia”. Per tanto tempo ho pensato che gli altri sapessero fare le cose meglio di me, invece è bello poter fare affidamento su se stessi».

Al contrario, c’è qualcosa che vorresti dire ai narcisisti seriali e manipolatori affettivi che spesso si prendono gioco delle persone più fragili?

«Di curarsi. Quando ti rendi conto che non riesci ad amare, che non riesci ad interagire realmente con gli altri, probabilmente hai un problema. Oggi come oggi, c’è tantissimo narcisismo in giro, sia femminile che maschile. Ho letto dei libri a riguardo, perchè a volte l’argomento viene un po’ frainteso, il narcisista non è soltanto chi si crede bello e passa il tempo davanti allo specchio, bensì una persona che ha subito dei traumi così forti da porre una barriera fra se stesso e gli altri, al punto da non riuscire a provare sentimenti. A me non piacerebbe essere così sinceramente.

Sai, vado dallo psicologo da quando ho ventidue anni, perchè non volevo che la mia emotività pesasse troppo sugli altri, mi rendevo conto di risultare esagerata in certe mie azioni. Ho lavorato molto su questa cosa, nonostante non sia riuscita ancora a risolverla, però ho sempre pensato che è importante lavorarci, perchè non possiamo far pagare agli altri le nostre mancanze».

A proposito del tuo rapporto con Gigi, anche se non ne hai bisogno e anche se hai fatto due Festival più di lui, ti ha dato dei consigli?

«Certo! In primis mi ha fatto un sacco di complimenti su come è uscita la canzone, sul fatto che gli piaccia molto la mia voce, per questo mi sento molto lusingata. Mi ha consigliato di provare ad essere più semplice possibile nella presentazione del brano, cosa che in genere non mi riesce tantissimo (ride, ndr). Vediamo, conto di essere comunque me stessa, di voler impersonare quella che sono diventata oggi, con tutti i mezzi che ho, impegnandomi al massimo. Speriamo di farlo contento a Gigi!».

Per la terza serata delle cover, come è ricaduta la scelta su “Quando”?

«Amo moltissimo Pino Daniele, in più “Quando” è stata la canzone che ha accompagnato Troisi in uno dei suoi film più importanti. Sotto certi aspetti mi sento un po’ simile a Massimo, un uomo del popolo di origini umilissime, diventato poi conosciuto e molto amato. Mi piaceva l’idea di celebrare questa canzone piena di versi ispirati, saggi e profondi, come ad esempio “chi vuole un figlio non insiste”, sembra quasi un proverbio. Nella sua semplicità, in questo pezzo c’è grande poesia».

Sei l’ultima donna ad aver vinto il Festival, sia tra i big che tra i giovani. Pensi che quest’anno si possa interrompere questo lungo digiuno?

«Io spero che vinca la canzone più bella, quella che fa sognare di più gli italiani. Non conta se la canta un uomo o una donna, perchè la voglia di comunicare e di trasmettere qualcosa non ha sesso. Quest’anno il cast è pazzesco, penso che tutte le proposte siano valide. Qualcuno farà ballare, qualcuno farà emozionare, qualcun altro farà riflettere. Sanremo è questo, lo specchio della nostra società. Guai se non ci fosse».

In questi ultimi anni ti abbiamo vista ricoprire diversi ruoli in tv, ad esempio l’attuale esperienza ad Amici, ma non solo. Con un cast meno televisivo degli altri anni, pensi possa rappresentare per te un vantaggio al televoto?

«Guarda, a questa roba non ci voglio proprio pensare. Le altre volte avevo l’ansia di voler vincere per andare all’Eurovision, più ci volevo andare e più non vincevo. In un anno come questo, dove cantare è diventato un privilegio, poter ripartire su questo carrozzone è davvero un onore. Dobbiamo farlo per noi stessi, per il brutto periodo che stiamo vivendo, per gli addetti ai lavori, per le persone a casa che hanno bisogno di tornare a sognare con l’aiuto della musica».

© foto di Bogdan Plakov

Nico Donvito
Nico Donvito
Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Seguici

Latest

SANREMO 2021, CRONACA DELLA PRIMA CONFERENZA STAMPA

Al via la prima conferenza stampa ufficiale della settimana di Sanremo 2021, al via a partire da domani in prima serata su Rai...

FEDEZ E FRANCESCA MICHIELIN: “ANDIAMO OLTRE IL PIAZZAMENTO IN CLASSIFICA”

A 48 ore dall’esordio “Chiamami per nome” - il brano portato in gara a Sanremo2021 da Fedez e Francesca Michielin - ha scalato le classifiche dei brani più ascoltati sulle piattaforme di streaming, radio e YouTube, piazzandosi alla #1 nella Top 50 Spotify Italia, Apple Music, Amazon Music, iTunes Italia e primi in tendenza YouTube.

VALERIO DE ROSA, E’ SUA LA SIGLA DI “GIORTI'” CON GIULIA DE LELLIS E GEMMA GALGANI

Il singolo "BOOM BOOM CIAO" del giovane cantautore Valerio De Rosa è stato scelto come sigla del programma rivelazione Giortì, condotto da Giulia De...

I DISCHI PIU’ BELLI DA REGALARE A NATALE ALLE PERSONE A CUI VUOI BENE

Idee musicali e spunti originali da mettere sotto l’albero e da destinare ad amici e parenti, per rendere ancora più speciale un Natale che sarà sicuramente diverso da quelli precedenti

GAUDIANO: “POLVERE DA SPARO? UN BRANO CHE PARLA DI DOLORE E RINASCITA”

Le parole di Gaudiano, vincitore della categoria Nuove Proposte di Sanremo 2021 con il brano "Polvere da sparo"