FASMA: “LA MIA FAME DIVENTERÀ MUSICA”

0 Condivisioni
0
0
0

Questa sera, venerdì 5 marzo, Fasma tornerà sul palco del Teatro Ariston con “PARLAMI” (Sony Music Italy), brano in gara nella categoria Campioni della 71^ edizione del Festival di Sanremo accompagnato dal suo immancabile compagno di avventure GG.

© Foto di Lorenzo Piermattei

Nella serata di ieri, 4 marzo, Fasma si è esibito con Nesli, nonostante i problemi tecnici, sulla cover de “La fine” : “Avere problemi tecnici è il bello della diretta! Partecipare a Sanremo big significa rispettare un livello soprattutto di professionismo. Il palco di Sanremo è stato calcato da artisti di altissimo rango, dovevo solo continuare a cantare e dare il massimo!

Dovevo scegliere un brano che mi potesse toccare nell’intimo. Non ho mai cantato il testo di qualcun altro per cui per me oltre che essere un’esperienza nuovissima mi preoccupava anche tanto. Quando poi ho trovato la canzone, che ho trovato quasi casualmente, è stato davvero un’illuminazione! Pensavo che magari altri mi avrebbero potuto consigliare la canzone più adatta“.

L’artista ha recentemente diffuso il “suo” “Manifesto per la tutela dell’arte”, una vera e propria carta in cui vengono elencati i principi per la tutela del rapporto tra arte, artisti e terzi: “Anche la musica ha bisogno di essere messa in luce anche dal punto di vista giuridico. All’interno della musica ho notato come spesso si dia più importanza all’aspetto consumistico più che a quello dell’arte

Fasma ha aperto con GG una casa discografica: “É stato proprio questo il nostro punto di partenza, ci siamo chiesti quali sarebbero stati i punti da cui partire per relazionarci ai terzi. Vogliamo far sentire i nostri artisti tutelati e offrirgli un terreno fertile in cui crescere. Il Manifesto serve per trasmettere questo messaggio a tutti, non solo alla nostra realtà“.

Sulla partecipazione al Festival commenta così: “Sanremo è un punto di partenza, noi non siamo soddisfatti. Abbiamo tanta fame, e questa fame diventerà musica. A prescindere dal risultato, appena torneremo rientreremo in studio a registrare”.

Sulle scelte particolari del videoclip del brano afferma: “Si tratta di una realtà un po’ distopica. É stato un onore poter collaborare con l’artista Donato Piccolo, che ci ha fornito tutte le opere d’arte. Collaborare con l’intelligenza artificiale è stato fantastico per me! Volevamo rappresentare la musica come se fosse un oggetto concreto, e da lì ci siamo legati al Manifesto. Volevamo far notare la concretezza di un’idea“.

Video ufficiale di “Parlami” brano in gara al Festival di Sanremo 2021

Ti potrebbe anche piacere