VALENTINA PARISSE: “SONO UNA PERSONA DI CONTATTO, PER ME E’ TUTTO”

“PROTEGGI” è il titolo del nuovo singolo di Valentina Parisse, attualmente al 33esimo posto della classifica Italiani di EarOne. Un brano che racconta le paure, le fragilità e le insicurezze che caratterizzano le relazioni interpersonali che sentiamo, oggi più che mai, come un bene indispensabile della nostra vita.

Ciao Valentina! il tuo nuovo singolo si chiama “Proteggi” ed è già alla 33esima posizione della classifica Earone Italia. Un traguardo importante.

<<Credimi Tommaso è stata una grandissima soddisfazione perché arriva in un momento molto difficile che tutti stiamo vivendo, perciò tutto quello che riusciamo a fare è sentito ancora di più.>>

Sei riuscita a trovare la giusta ispirazione nonostante il periodo di fermo?

<<Ti dico per me è stata ed è ancora un’altalena, una montagna russa continua perché ho iniziato il primo lockdown con grande energia, probabilmente perché venivo da un periodo estremamente attivo a livello artistico, poi col passare del tempo le cose sono un pò cambiate. L’arte però è fatta anche di inquietudine, interiore pure, e questa cosa mi ha aiutata a riflettere e concentrarmi molto di più su certe cose. Diciamo in generale ci sono stati alti e bassi.>>

Immagino che inevitabilmente qualche progetto sia stato rimandato.

<<Assolutamente si, qualcosa si è bloccato ma per fortuna la tecnologia ci ha aiutato veramente tanto. Infatti “Proteggi” in parte è stata realizzata in remoto, poi con le persone con le quali collaboro ho un rapporto umano vero, perciò sapevamo già tutto e che suono volevamo ottenere. Io amo particolarmente il contatto con le persone.>>

Quanto ti manca questa cosa? stare a contatto con le persone?

<<Tanto perché come ti ho detto sono una persona di contatto, anche in “Proteggi” accenno un pò al fatto di questa solitudine e isolamento, anche il verso – “e fuori dalla finestra non vedo niente” – è tratto da una storia vera perché ci affacciamo e ci sentiamo come alienati. Io poi vengo da un quartiere molto popolare e sotto casa spesso c’è il mercato, ecco manca tantissimo scendere giù e stare in mezzo alla gente.>>

Il brano è accompagnato da un videoclip ricco di contenuti dove c’è anche questo contrasto tra la staticità del momento, rappresentata da delle statue, e la voglia invece di rinascere con questo ballerino che danza e non accenna a fermarsi.

<<Sono davvero felice tu abbia colto il messaggio di questo video, anche perché è proprio ciò che volevamo arrivasse al pubblico. Io poi vengo da Roma, quindi tutto ciò che è marmoreo e riguarda le statue mi appartiene, giriamo e siamo perennemente circondati da questa bellezza statica, ferma e cristallizzata perciò l’ispirazione per questo video è legata al posto dal quale vengo. Di fronte a una statua può accadere di tutto, anche una pandemia per l’appunto ma lei sarà sempre li fissa e non può fare nulla. Da qui poi il contrasto con Angelo, il ballerino, al quale abbiamo chiesto proprio di non fare una coreografia fine a se stessa, ma di interpretare le parole della canzone e questa voglia di muoversi. Credo che l’immobilità sia nel pensiero che nel fisico sia terrificante, perciò dobbiamo rinascere attraverso il nostro corpo, con gli abbracci e i baci che al momento non possiamo darci. Spero davvero che non ci si abitui mai alla distanza.>>

Questo è un brano al quale hanno collaborato diverse figure artistiche di una certa caratura, da Chris Lorde-Alge, vincitore di 5 Grammy ad Antonio Baglio anche lui vincitore di 2 Grammy e 12 Latin Grammy, poi con autori come Alfredo Rapetti, Mogol e tanti altri. Cosa accomuna ognuno di loro e cosa ti senti di aver appreso lavorando con dei professionisti del genere?

<<Eh tanto… guarda questa è una squadra che ho messo insieme con tantissimo lavoro e attenzione come faccio anche nei live, in quel caso dico sempre alla mia band di dare il proprio contributo, cioè questa è la canzone ma poi ognuno deve metterci del suo altrimenti non è una collaborazione. Anche in questo caso, in questo nuovo singolo, ognuno ha contributo col suo enorme talento e poi sono tutte persone vere, perché per me una collaborazione funziona se alla base ci sono rapporti veri. Sono tutti amici con i quali si è creato un automatismo tale necessario, la famosa intesa. E’ una squadra davvero forte e di cui sono molto fiera. Poi pensa, piccola curiosità, sono riuscita a coinvolgere Chris e lui in Italia fino adesso aveva collaborato solo con Caparezza, perciò è anche un orgoglio aver portato lui.>>

Nel brano parli anche di paure, fragilità insicurezze. Quali sono quelle di Valentina? Se ce ne sono.

<< Hai voglia! quante pagine ho a disposizione? (ride). Tante tante, davvero tante Tommaso. A volte mi sveglio al mattino e mi dico – “ma che caspita sto carattere… potrei essere cosi o forse cosi… potrei farmi meno domande o pormi meno dubbi…” – poi però mi rispondo sempre e capisco che se non mi facessi queste domande cosa avrei da raccontare? Una persona piena di sicurezze ti racconta questo e questo’altro e fine, io invece sono l’esatto opposto. Mi faccio mille domande, cerco di riflettere sulle cose e poi analizzo. Sono innamorata delle parole che per me hanno sempre mille sfumature, e questo mi porta a sceglierle sempre con grande cura. Sono piena di paure, la prima che forse abbiamo un pò tutti è quella del timore di cosa ci aspetta domani.>>

Valentina Parisse, nel corso della tua carriera sei arrivata a collaborare con diverse figure “leggendarie” possiamo dire della musica italiana, Renato Zero, Michele Zarrillo. Quanto ti hanno arricchita professionalmente queste esperienze?

<<Renato l’ho incontrato qualche giorno fa a Roma e davvero, la bellezza di poterci scambiare quattro chiacchiere con questi personaggi già ti arricchisce. Guarda mi ricordo la prima volta che collaborai con Phil Palmer, che è stato il gancio attraverso il quale poi sono arrivata a Renato, mi ritrovavo con lui e commentavo anche in maniera molto naïf brani che lui aveva scritto, perciò si creava una sorta di atmosfera surreale. Poi Phil è uno spasso, persona super simpatica. Sono tutti una fonte di ricchezza e accrescimento perenne. Ti dico anche di Michele, noi sappiamo che dietro un semplice brano di 3 minuti e mezzo c’è un lavoro incredibile che è stato fatto, io e lui abbiamo lavorato per un mese e mezzo ogni notte al testo che poi è stato selezionato per Sanremo qualche anno fa. Eravamo proprio li con la minuzia e la passione certosina nel trovare le parole giuste per quel passaggio, quel momento, quella nota. Questo ti fa capire che anche se arrivi a certi livelli non bisogna mai accontentarsi.>>

Tu hai esordito nel 2011 con l’album “Vagabond” realizzato tra Italia, Canada e Inghilterra. Che apertura mentale artistica ti ha dato l’estero?

<<Guarda ne parlavo l’altra sera con Red Ronnie, ripensarci adesso mi sembra una cosa epica e folle perché tu immagina una ragazzina di provincia che non aveva mai fatto un viaggio transatlantico che con quattro soldi prende a va verso questa “terra promessa”. Oltretutto quando sono atterrata a Montreal me l’ero immaginata tutta fatta di grattacieli, perché spesso noi italiani o comunque europei associamo subito all’America i grattacieli. Quindi atterro e niente, c’era questa distesa infinita di neve, bianca perfetta ma grattacieli manco l’ombra (ride). Comunque il Canada è una terra enorme, vasta, bellissima, che mi ha dato tanto e per questo mi sento molto fortunata. Poi mi ha insegnato che il nostro ruolo nel mondo è assolutamente relativo agli altri e a quello che abbiamo intorno. Sono stata anche a Los Angeles per lavoro e ho capito quanto sia importante il senso di collaborazione in America, cioè tutti si siedeno intorno a un tavolo e ognuno da il proprio contributo con la sua idea che vale quanto quella di uno che può aver vinto 5 Grammy.>>

Se ti riporto indietro a maggio del 2019? Cosa ti viene in mente?

<<Guarda mi tremavano le gambe perché mi sono esibita di fronte a una leggenda come Bruce Springsteen e al nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Io sapevo che avrei avuto di fronte il presidente, e già qui un pò di ansietta c’era, poi però nessuno voleva avvertirmi della presenza di Springsteen e devo dire che è stato meglio così. Sono momenti che ti cambiano la vita, eravamo in una cornice pazzesca, di una giornata bellissima e tutto ha funzionato alla perfezione.>>

Un commento invece, per chiudere, sulla tua esperienza ad All Togheter Now e un tuo giudizio sul Festival di Sanremo di quest’anno.

<<All Togheter Now è stata un’esperienza super super figa e che non immaginavo. Poi è stato bello perché io faccio parte del programma dall’inizio, da quando era solo una bozza perciò l’ho visto crescere ogni anno andando a prendere sempre più persone. E’ figo perché siamo tanti artisti tutti diversi tra loro che portano il proprio bagaglio, ma la cosa che mi piace di più è che partendo dai conduttori, che sono Michelle Hunziker e J-AX, fino a noi nessuno vuole denigrare o entrare a gamba tesa sui concorrenti, tendenza che spesso vedo in altri talent dove c’è molta aggressività. L’ultima edizione è stata ancora più importante poi, intanto per il privilegio di poter andare in studio e lavorare quando molta gente era a casa  e poi la voglia di portare un sorriso e sollievo alle persone che ci stavano seguendo. Per quanto riguarda Sanremo invece, avendolo vissuto quasi in prima persona, ho capito la polemica e la voglia di avere il pubblico perché fa parte del gioco e della performance. Nonostante l’assenza se la sono cavata tutti alla grandissima. Tra gli artisti in gara mi è piaciuto molto Willie Peyote, che io conoscevo già da prima e poi da donna sono molto contenta di quello che ha fatto Orietta Berti. Ho una grande stima per lei che ha spaccato e tenuto testa a tanti giovani in gara.>> 

Seguici

Latest

SANREMO SBARCA IN AMERICA, IN CLASSIFICA QUATTRO CANZONI DEL FESTIVAL

Per la prima volta nella storia, ben quattro pezzi in concorso al Festival di Sanremo sono entrate nella Billboard Global Excl. U.S.A., la top 200 dei pezzi più ascoltati in streaming e più venduti in digitale al mondo

NAZIONALE CANTANTI A VILLAFRANCA DI VERONA: IL PRIMO TROFEO ANTARES

La Nazionale Cantanti scenderà in Campo con la Nazionale New Dreams per sostenere la Fondazione Piemontese per la ricerca sul Cancro ONLUS ...

FUORI IL VIDEO DI “SEPTEMBER” DI STING E ZUCCHERO

E' online da oggi, mercoledì 2 dicembre, il video di “SEPTEMBER”, il nuovo singolo di STING & ZUCCHERO, attualmente in radio e disponibile in...

GAUDIANO: “POLVERE DA SPARO? UN BRANO CHE PARLA DI DOLORE E RINASCITA”

Le parole di Gaudiano, vincitore della categoria Nuove Proposte di Sanremo 2021 con il brano "Polvere da sparo"

5 CURIOSITA’ SU…BUGO

Ecco 5 curiosità su Bugo (Christian Bugatti), il cantautore e musicista salito alla ribalta per aver abbandonato il palco durante il Festival...