Gaia

GAIA: DOPO UN SANREMO SOTTOTONO, IL CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO CERTIFICA UN PERCORSO RICCO DI POTENZIALITÀ

Gaia a un anno dalla vittoria ad Amici pare in affanno, soprattutto dopo un Festival di Sanremo al di sotto delle aspettative. Ma le potenzialità per emergere… sono intatte!
1 Condivisioni
1
0
0

Gaia a un anno dalla vittoria ad Amici pare in affanno, soprattutto dopo un Festival di Sanremo al di sotto delle aspettative. Ma le potenzialità per emergere… sono intatte!

Gaia

È passato solo un anno dalla sua emozionante vittoria ad Amici, in una finale condizionata dall’emergenza Covid. Un risultato importante che già allora sapeva di rivincita, dopo che il secondo posto a X Factor nel 2016 non le aveva dato la possibilità di esprimersi, nonostante il disco d’oro ottenuto con il singolo New Dawns.

Non si può dire che il percorso dopo il talent sia stato semplice, ma gli ottimi risultati dei singoli Chega e Coco Chanel avevano fatto ben sperare. Un bagliore spento dopo un Festival di Sanremo sottotono, nonostante un bel brano.

Gaia

Partecipare a un talent come Amici e non avere la possibilità di incontrare il pubblico è sicuramente controproducente per ogni artista, che spesso si nutre dell’abbraccio dei supporter.

Aver conquistato con merito lo scettro di Amici 2020 non le ha dato la possibilità di tuffarsi in sconfinati bagni di folla, eppure Gaia è riuscita a trovare una strada grazie alla sua musica.

Il suo album Genesi, poi ripubblicato in formato fisico con il titolo Nuova Genesi, ha ottenuto il disco d’oro grazie a due singoli forti e a un’attitudine musicale che il pubblico ha dimostrato di saper comprendere.

In particolare Chega, pezzo non di semplicissima comprensione visto il testo interpretato in lingua portoghese, ha ottenuto due dischi di platino conquistando anche la chart Earone, dove è addirittura salita sul podio.

Discreto risultato anche per Coco Chanel, disco d’oro e ancora discreto successo radiofonico.

Con questo particolare biglietto da visita Gaia si è presentata in gara al Festival di Sanremo con un pezzo dalle sonorità mediterranee e delle percussioni che ricordano il Brasile e il Sudamerica, ma non ha conquistato il pubblico.

Cuore Amaro, scritto insieme a Jacopo Ettorre, Giorgio Spedicato e Daniele Dezi, è arrivato soltanto al 19° posto. Un risultato tutto sommato mediocre, ma ciò che sorprese fu la performance al televoto.

Il pezzo nell’ultima serata fu solo 22° su 26, esito non scontato soprattutto visto e considerato che gli artisti provenienti da Amici in genere a Sanremo ricevono una forte spinta proprio dal televoto.

Cuore Amaro la prima settimana dopo il Festival entrò nella Top Ten della classifica dei passaggi radiofonici, per poi sparire rapidamente dai radar, tanto che oggi, a due mesi dalla kermesse, non è più nemmeno nella Top 50.

Il pezzo, che non ha ricevuto nessuna certificazione, ha poco più di 4 milioni e mezzo di ascolti su Spotify. Un risultato decisamente lontano dagli oltre 36 di Chega e dai 10 di Coco Chanel.

Ma non si può dire che Gaia non abbia nulla da dire. La performance acustica al MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, in occasione del Concertone del Primo Maggio, ha confermato le sue potenzialità, così come i featuring negli album di Madame e Rkomi. Progetti distanti dal suo universo musicale, ma nei quali ha portato un’impronta personale, innovativa e molto piacevole da ascoltare.

Ora non ci resta che aspettare nuovi singoli e soprattutto l’album tanto atteso al quale sta lavorando da tempo.

Gaia ha una sensibilità musicale che va preservata e che, con collaboratori all’altezza, può davvero crearsi un percorso importante. Non ci resta che attendere i prossimi passi.

Ti potrebbe anche piacere