RACHELE BASTREGHI: “IL MIO VOLO INTIMO E FATICOSAMENTE LIBERO”

Disponibile dallo scorso 30 aprile Psychodonna, l’album d’esordio di Rachele Bastreghi, un concept album fatto di riflessioni, contrasti e mondi opposti che si attraggono

L’anima femminile dei Baustelle debutta come solista, lo fa con la consapevolezza e l’esperienza di chi ha sulle proprie spalle vent’anni di musica vissuta e suonata. Con questo spirito Rachele Bastreghi presenta il suo concept album fatto di riflessioni, contrasti e mondi opposti che si attraggono, il tutto impreziosito da una multiforme estetica poetica e sonora.

“Psychodonna”: un momento di arrivo o di partenza?

«Direi entrambe le cose, lo considero un vero e proprio viaggio introspettivo di crescita, una riflessione sull’accettazione, un voler mettere dei punti, grazie soprattutto all’esperienza accumulata negli anni. Ho voluto correre il rischio, fronteggiare il pericolo, esplorare, sperimentare. Mettere in qualche modo in primo piano il mio ruolo di musicista, di scrittrice, di compositrice e di arrangiatrice».

A quali rischi ti sei voluta sottoporre?

«L’obbiettivo era quello di trovare una mia forma di espressione, anche con la musica e non solo con le parole. Volevo uscire da una serie di abitudini, di comfort zone e di protezioni che di solito hai in gruppo, militando in una band ti dividi sia le gioia che i dolori, perchè c’è un compromesso, un gioco di scambio, un giudizio di più persone rispetto a quanto può essere con un lavoro solista».

Cosa sei riuscita ad approfondire in questo lavoro fatto su te stessa?

«Sono riuscita a sviluppare questi contrasti che, comunque, mi contraddistinguono un po’ da sempre. Mi riferisco all’aspetto legato alle sfumature e alla complessità femminile. Sia in musica che nella vita, riusciamo a far convivere cose e situazioni completamente distanti tra loro. A seconda delle situazioni il nostro atteggiamento cambia, si aprono porte diverse e, di conseguenza, le nostre reazioni mutano di volta in volta. A volte può essere anche uno sforzo riuscire ad andare contro il proprio carattere o determinate convenzioni sociali, ma è necessario per riuscire a sentirsi veramente liberi».

Quanto ha inciso quello che stiamo vivendo nella lavorazione di questo progetto?

«Quando è scoppiata la pandemia il disco era già pronto, di conseguenza non ha risentito di tutta l’angoscia legata a questa vicenda, semmai viveva già di un’angoscia sua prima (sorride, ndr). Tutto è iniziato due anni fa, era un momento in cui mi ero rinchiusa per scelta, per concentrarmi sul processo creativo, di conseguenza il mio lockdown in qualche modo era già iniziato prima».

In una società che viaggia alla velocità della luce, secondo te, la gente ha ancora la “pazienza” di  percepire il significato profondo di un disco come questo?

«Io me lo auguro. Tutta questa accelerazione è un po’ figlia dei tempi, da quando hanno inventato lo shuffle la modalità di ascolto è cambiata. Il concept album è l’esatto opposto di quello che ci si aspetta oggi, una sorta di romanzo di formazione, una storia che se ascoltata tutta insieme ti porta ad immergerti al suo interno, lasciandoti qualcosa una volta arrivata alla fine. E’ un discorso che va ascoltato tutto insieme, altrimenti è come estrapolare una frase da un racconto più complesso. Nel mio piccolo ho cercato di costruire la narrazione in quaranta minuti, lascando le tracce legate tra loro, ma come degli episodi singoli, anche se l’ideale sarebbe mandarli giù tutto d’un fiato».

Rachele Bastreghi Psychodonna
Nico Donvito
Nico Donvito
Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica italiana e spettatore interessato di qualsiasi forma di intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.

Seguici

Latest

CLASSIFICHE SETTIMANA #12: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

L'analisi delle classifiche Fimi, Earone e Spotify evidenzia una notevole incidenza dei brani del Festival di Sanremo e degli album degli artisti che vi hanno partecipato, ma con qualche sorpresa...

5 CURIOSITA’ SU…MICHELE ZARRILLO

Ecco 5 curiosità su Michele Zarrillo, l'intenso cantautore attivo dagli anni '70, che il 13 Giugno compie 64 anni.

SAMUEL: “LA MUSICA ELETTRONICA? DA SEMPRE IL MIO ALFABETO”

Quindici brani inediti, cinque featuring e tanta buona musica. “Brigatabianca” è il nuovo album di Samuel, il suo secondo progetto musicale da solista

GIANNI MORANDI: IN ARRIVO UN NUOVO SINGOLO SCRITTO DA JOVANOTTI E PRODOTTO DA RICK RUBIN

Uscirà l'11 giugno il nuovo singolo di Gianni Morandi intitolato “L'Allegria”. Il pezzo porta la firma di Jovanotti, mentre la produzione è di Rick Rubi

MY DEEJAY TEN: SUPERATI I 20.000 ISCRITTI! DISPONIBILI ON LINE GLI ULTIMI RACE PACK

Si svolgerà domenica 23 maggio My Deejay Ten, l'evento di running che l'emittente milanese organizza dal 2005. Anche quest'anno un'edizione... diffusa!