Maneskin Eurovision

MANESKIN FAVORITI ALL’EUROVISION, IL RESOCONTO DELLA LORO CONFERENZA STAMPA

179 Condivisioni
179
0
0

Secondo i bookmaker europei, i Maneskin sono i principali candidati per la vittoria dell’Eurovision Song Contest, balzati in testa nelle ultime ore dopo la brillante performance della loro seconda prova dal vivo

Maneskin Eurovision

Sale l’attesa per la 65esima edizione dell’Eurovision Song Contest, la cui finale andrà in scena sabato prossimo, 22 maggio, trasmessa in diretta da Rai Uno a partire dalle ore 20.30. Grazie alla convincente seconda prova realizzata nel corso della giornata di ieri, i Maneskin hanno superato di ben due punti percentuali la Francia nei pronostici della viglia, imponendosi al momento come i principali favoriti per il titolo finale, come riporta l’autorevole fonte dell’EurovisionWorld, che monitora in tempo reale le probabilità di vittoria dei vari Paesi partecipanti.

In attesa della scaletta ufficiale, sempre nella giornata di ieri, è stato rivelato che i nostri giovani rappresentanti si esibiranno nella seconda parte della finale. Altra buona notizia, visto e considerato che cantare tra gli ultimi è stato storicamente favorevole per molti vincitori della manifestazione. Esecuzione impeccabile per Damiano, Victoria, Ethan e Thomas, che stanno sempre più familiarizzando con il palco dell’Arena di Rotterdam. La loro “Zitti e buoni” sta conquistando il pubblico europeo, come dimostrano le numerose e positive reaction caricate su YouTube dai vari utenti di tutto il mondo.

Le dichiarazioni dei Maneskin

«Non ci aspettavamo di vincere Sanremo – raccontano i Maneskin nel corso della loro conferenza stampa eurovisiva, sfoggiando un ottimo inglese – la nostra era una canzone inusuale per il Festival, anche se naturalmente ci speravamo. In seguito alla vittoria, abbiamo avuto la possibilità di venire a Rotterdam, di questo ne siamo felicissimi. Quello che vogliamo trasmettere con la nostra canzone è un messaggio di libertà, un invito ad essere se stessi, incuranti del giudizio altrui, e non la brutta copia di qualcun altro. Siamo consapevoli che, qualunque sarà il risultato finale, avremo dato il massimo».

Le immagini della seconda prova

Ti potrebbe anche piacere