Musica italiana estero

EUROVISION SONG CONTEST 2021: QUALI SONO GLI ARTISTI ITALIANI PREFERITI DAI CANTANTI IN GARA?

L’Eurovision Song Contest 2021 è in pieno svolgimento e i Maneskin continuano a risultare tra i super favoriti. Ma quali sono gli artisti italiani preferiti tra gli altri cantanti in gara?
21 Condivisioni
21
0
0

L’Eurovision Song Contest 2021 è in pieno svolgimento e i Maneskin continuano a risultare tra i super favoriti. Ma quali sono gli artisti italiani preferiti tra gli altri cantanti in gara?

Eurovision Song Contest

L’Eurovision Song Contest 2021 sarà sicuramente ricordato per parecchi motivi, al di là di quello che sarà il piazzamento dei Maneskin oggi super favoriti per la vittoria finale.

L’ESC 2021 è il segnale più importante di ripartenza, ma determina anche un cambio di rotta per quanto riguarda la percezione della musica italiana.

Fino a qualche anno fa quando in Europa parlavamo di musica italiana, il pensiero correva sempre ad artisti come i Ricchi e Poveri, Al Bano e Romina Power o Toto Cutugno. Poi, grazie ai ragazzi de Il Volo, si è tornati ad apprezzare il bel canto che soprattutto nei paesi oltreoceano hanno affiancato nel pensiero comune Laura Pausini ed Eros Ramazzotti.

L’Eurovision Song Contest 2021 ha contribuito a cambiare la prospettiva, grazie ai Maneskin che sul palco dell’Ahoy Arena hanno portato un pezzo rock, che nulla può invidiare ad altre entries che in passato hanno contribuito a scrivere pagine di storia della kermesse.

Nello specifico… cosa pensano gli artisti in gara quest’anno all’Eurovision Song Contest della musica italiana?

Eurovision Song Contest 2021 – cosa pensano gli artisti in gara della music italiana?

I The Roop, trio di artisti lituani che ha aperto la kermesse, hanno un’idea chiara e precisa.

“Conosciamo molto bene la musica italiana. Quando eravamo bambini le nostre madri ascoltavano sempre le canzoni del vostro paese! Non capivamo le parole, ma… ci piaceva!!!”

Gli Hooverphonic, rappresentanti del Belgio, conoscono bene l’Italia e la musica italiana, collaborando spesso con Luca Chiaravalli. Nel 2012 hanno interpretato un brano insieme a Eros Ramazzotti.

Apprezzano artisti contemporanei come Francesco Gabbani, ma anche storici come Raf, Umberto Tozzi o Zucchero. Un pensiero, però, va a… Gigliola Cinquetti, vincitrice dell’Eurovision 1964

Maniža, che ha raggiunto la finale rappresentando la Russia, non ama solo le nostre canzoni!

“Conosco parecchia musica italiana del passato. Mia mamma ne ascoltava tanta, mi ha insegnato parecchi di questi vecchi successi. Il mio preferito? Adriano Celentano! Ma dell’Italia apprezzo anche il cibo! Pasta, lasagne, gelato!”

Anche Vasil, cantante della Macedonia del Nord, ha un approccio molto classico riguardo la musica italiana.

“È la migliore! È una delle mie preferite! La musica italiana ha un posto speciale nel mio cuore perchè io canto anche l’opera!”

Le Hurricane, le tre ragazze serbe, amano particolarmente Laura Pausini!

Da sempre esiste un legame tra Italia e Albania, e lo sottolinea anche Anxhela Peristeri.

“Adoro la musica italiana, mi piace Adriano Celentano, Mina, Gianni Morandi. Sono una fan di Anna Tatangelo, ma anche di Anna Oxa. Sono poi orgogliosa che nel vostro paese si stia facendo largo un ragazzo eccezionale come Ermal Meta. Lui è albanese e il suo successo in Italia ci rende fieri e orgogliosi!”

Vincent Bueno, rappresentante austriaco, ricorda quanto nel suo paese sia apprezzata la musica italiana.

“Tra noi e voi c’è una speciale relazione. Gli austriaci vanno al mare ogni estate in Italia e imparano lì le canzoni che portano oltre il confine. Il cantante più noto? Eros Ramazzotti!”

Eden Alene, cantante israeliana, non conosce, invece, la musica italiana.

“Non l’ascolto quasi mai, ma mi piace molto la lingua, Penso sia una delle più belle che abbia mai sentito, è molto sexy ed è piacevole da sentire.”

L’Eurovision Song Contest 2019 ha cambiato le carte in tavola, in quanto ora Mahmood ha trovato una dimensione più internazionale con la sua musica.

Lo pensa l’olandese Jeangu Macrooy e soprattutto la greca Stefania.

“Una delle mie canzoni preferite in assoluto è soldi di Mahmood. Non sono mai stata in Italia, ma mi piacerebbe visitarla. Amo tutto del vostro paese. La musica, il cibo… soprattutto la pizza margherita!”

Cosa pensano dei Maneskin?

Consenso unanime nei confronti dei Maneskin.

“A causa delle restrizioni non abbiamo ancora avuto modo di incontrare i vostri ragazzi, ma sappiamo che hanno un pezzo molto interessante! Ci ricordano gli Audioslave, di cui eravamo fans. Con la loro canzone portano tanta energia sul palco. Tutti noi abbiamo suonato in band rock nel passato, quindi è nel nostro sangue! Apprezziamo molto quando l’Eurovision si trasforma in una grande Arena del rock!”

Queste le parole dei Go_A che, per quanto riguarda la musica italiana, hanno gusti un po’ particolari…

“Seguiamo i Rhapsody, gruppo power metal” Ammiriamo molto il loro chitarrista Luca Turilli, fenomenale. Molti della nostra età ricordano anche con piacere la disco italiana. E’ storia!”

Con i Blind Channel, rappresentanti finlandesi, i nostri ragazzi hanno instaurato un ottimo rapporto!

“Ci piacciono molto! Li abbiamo incontrati spesso in questi giorni e abbiamo parlato tanto di musica rock in generale, ma anche di Eurovision, e soprattutto dei nostri tour che tanto ci mancano…

Sia noi che i Måneskin siamo ambasciatori del rock. Stiamo riportando questo genere sui palchi più grandi del mondo!”

Lesley Roy, rappresentante irlandese che si è fermata in semifinale, dice.

“Sono fantastici, lo stage è grandioso, Io amo quella canzone. Poi… mi sento una rocker!”

Anche Barbara Pravi, che sfiderà Damiano, Thomas, Victoria, Ethan, apprezza molto la nostra entry.

“Amo i Måneskin e spero abbiano tanta, tanta fortuna. Il loro progetto è fantastico, differente! Meritano il meglio!”

Tix, cantautore norvegese che ha brillantemente superato le semifinali, apprezza il fatto che l’Italia abbia proposto un brano rock, ricordando che la parola Maneskin ha origini nordiche. Plauso anche da parte di James Newman, che sabato salirà sul palco dell’Ahoy per il Regno Unito.

Natalia Gordienko, rappresentante moldava, sottolinea il rapporto tra il nostro e il suo paese, apprezzando la scelta di portare in gara a Rotterdam un pezzo rock.

Ti potrebbe anche piacere