Andrea Bocelli

ANDREA BOCELLI: SULLE NOTE DEL “NESSUN DORMA” PER DARE IL VIA ALL’EUROPEO DI CALCIO UEFA EURO 2020

Andrea Bocelli sarà allo Stadio Olimpico di Roma venerdì 11 giugno per un’esibizione speciale per dare il via all’Europeo di Calcio
11 Condivisioni
11
0
0

Andrea Bocelli sarà allo Stadio Olimpico di Roma venerdì 11 giugno per un’esibizione speciale per dare il via all’Europeo di Calcio

Andrea Bocelli

Andrea Bocelli è l’unico artista musicale della spettacolare cerimonia d’apertura dell’Europeo di Calcio che si svolgerà venerdì 11 Giugno 2021 allo Stadio Olimpico di Roma.

Dopo aver aperto le Olimpiadi nel 2006 e l’Expo sia di Shanghai, nel 2010, che di Milano, nel 2015, il tenore sarà ancora una volta il simbolo dell’Italia nel mondo in una cerimonia solenne e spettacolare.

Accompagnato simbolicamente dalle 24 squadre nazionali, Bocelli aprirà lo straordinario Europeo sulle note del Nessun Dorma, circondato da una scenografia eccezionale, curata in ogni minimo dettaglio, che prevede le Frecce Tricolori ed un’esplosione di effetti pirotecnici colorati ad occupare l’intero tetto dello stadio.

Andrea Bocelli – Europeo di Calcio

“Sarà un piacere e un onore poter offrire la mia voce, domani, alla cerimonia di apertura di UEFA Euro 2020, sotto i riflettori dello Stadio Olimpico di Roma.

Sarà anche un’occasione preziosa per lanciare un forte messaggio di speranza e positività. Quel “Vincerò”, sottolineato dal registro alto e idealmente cantato da tutte le 24 nazionali coinvolte, servirà anche da augurio per tutti nel mondo, superando difficoltà e affrontando sfide nei propri giochi: in insomma, sempre vincente.

Andrea”

Questo il messaggio postato dal tenore sui social.

Un ennesimo grande riconoscimento per Andrea Bocelli, artista classico più venduto nella storia della musica con oltre 90 milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

Tra qualche mese il tenore festeggerà il decennale del suo memorabile concerto a Central Park, a New York, un’esibizione unica davanti ad oltre 70.000 persone.

Foto di Luca Rossetti e Marco Fumagalli

Ti potrebbe anche piacere