J-AX

J-AX: “LO SGUARDO VERSO L’ARTE NON È MAI LO STESSO”

“Surreale” è il nuovo album di J-Ax, una vera e propria appendice di “Reale” commercializzata insieme al folle progetto “Jaxonville”. L’artista ne ha parlato in conferenza stampa
6 Condivisioni
6
0
0

Surreale” è il nuovo album di J-Ax, una vera e propria appendice di “Reale” commercializzata insieme al folle progetto “Jaxonville”. L’artista ne ha parlato in conferenza stampa

J-AX

E’ uscito Surreale, 11 tracce in cui l’artista chiude e completa un percorso iniziato quasi due anni fa con la pubblicazione di Reale, progetto certificato con un disco di platino.

Contestualmente a Surreale è in programmazione radiofonica il nuovo singolo Sono Un Fan.

“Quel pezzo lì spiega la mia dualità. Chi mi segue distrattamente non immagina la mia capacità di spaziare. Sono fan della Machete e anche della Pausini. Non mi vergogno di dire di essere fan di certe cose, anche se non sono cool.”

J-AX

J-Ax – Surreale e…

“Questo non si può definire solo come un repack, ma come un extension pack. Un paccone che contiene tre dischi: Surreale, Reale e Jaxonville. Reale era un concept legato dalla mia sensazione di realtà, mentre Surreale è un progetto diverso, opposto. Lo sguardo verso l’arte non è mai lo stesso. È surreale perchè è nato da un periodo surreale.”

Queste le prime parole di J-Ax, che in poche parole descrive il progetto, la cui genesi affonda le radici nella pandemia.

“Penso che questo Covid abbia fatto uscire quello che siamo. Ne usciremo più stronzi convinti di essere eroi. Abbiamo voglia di tornare a vivere. Spesso a noi artisti viene detto di pensare solo a cantare, ma non è giusto. Per la maggior parte degli italiani questo è un non lavoro. La politica si comporta inseguendo i consensi, non supportando l’arte.”

Un progetto nato, quindi, in un periodo di difficoltà.

“Non mi lascio più intimorire dai momenti no. Mi diverto a fare musica. Invece di comprarmi orologi d’oro, mi sono fatto uno studio. Negli anni ho colpito tante persone e ho capito che se tu hai 3’000 fans incazzati puoi sopravvivere. Non puoi farti guidare dalle tendenze.”

Tra le collaborazioni di Surreale spiccano Ermal Meta, Francesco Sarcina e Federica Abbate!

“Doveva essere un disco senza featuring, ma lavorandoci la situazione è cambiata. Con Federica scrivo da tempo. Lei compone la linea melodica e insieme scriviamo il testo. Ha registrato la sua voce in un provino ed era perfetta. Non ho avuto bisogno di cercare un’altra voce femminile. A lei faceva ridere molto l’idea della ragazza country in un pezzo divertente e dalle sonorità new-country.

Ermal, invece, mi ha mandato un’idea e ci abbiamo lavorato insieme. Sono soddisfatto!

Scrivendo la prefazione al libro di Francesco Sarcina, invece, ho capito che io e lui siamo simili. Mi sono ritrovato nella sua storia e l’ho coinvolto in un pezzo.”

Il progetto nasce dalla sempre fluida fase creativa di J-Ax.

“Un repack è diventato un album perchè fare canzoni è ciò che mi rende felice.”

Stesso sentimento che ha guidato la creazione di Jaxonville, un disco punk rock uscito solo su Soundcloud un anno fa e che per la prima volta è ora pubblicato su tutte le piattaforme digitali e venduto in formato fisico.

“È un’idea cosa che nasce tantissimi anni fa: un disco punk fatto da un vecchio! Il primo lockdown mi ha dato l’occasione di lavorarci. Ogni brano è una citazione di qualcuno che mi piace, ovvero i Ramones, Queen Of The Stone Age (che ho conosciuto a Los Angeles nel 2006), Blink 182. Io adoro il punk melodico californiano. Non sono un grande estimatore della scena inglese. Il punk come piace a me è stato iniziato dai Ramones. I Rancid sono il mio gruppo preferito.

Credo che prima o poi la tendenza cambierà. In Italia c’è un’avversione per le chitarre elettriche ed è un retaggio degli anni ’80. Aspetto il momento in cui la Top Ten dello streaming sarà composta da punk rock! Allora anche i programmatori musicali delle radio dovranno piegarsi a questa nuova tendenza.”

J-Ax ha detto la sua anche riguardo quanto successo a Olbia il 13 agosto scorso al concerto di Salmo.

“Sono stato zitto perchè Fedez ha già detto tutto quello che c’era da dire di giusto. Rispetto Salmo tantissimo e posso capire la sua rabbia. Il nostro settore è stato trattato con superficialità. La rabbia è giustificata perchè oltre ai concerti ognuno fa quello che vuole. La rabbia porta a fare cose sbagliate.

Sulla questione che non sei artista se non infrangi le regole non sono d’accordo, perchè credo che questo sia vero se parli di regole dell’arte. Le regole dell’arte sono una cosa, ma la legge è un’altra cosa. Io preferisco non essere considerato un artista. Preferisco essere chiamato enterteiner. Per me un artista è Michelangelo. Io sono uno che canta le robe che scrive, neanche un cantautore.

Per me gli artisti sono Gaber, Jannacci, De Andrè. Io non ho voglia di dire sono un artista. Non mi ci sento. Sono uno che fa intrattenimento. Se ho fatto canzoni che altri chiamano arte… beh… come dice Stephen King… il sole a volte batte anche sul culo di un cane!”

Un pensiero anche ai live.

“Organizzerò un concerto auando sarò sicuro di poterlo fare in sicurezza. Adesso stanno facendo tanti esperimenti. Quando questa situazione sarà risolta tornerò sul palco. Concerti solo per chi è vaccinato? Ha ragione, è giusto! È il solo modo per poter garantire la sicurezza di tutti.

Prima di organizzare una tournée, però, vorrei portare nei discopub Jaxonville. Ne ho bisogno! Farò questi concerti in mutande facendomi tirare la birra addosso!”

J-AX

J-Ax Surreale – la tracklist

  1. Skit
  2. Amo L’odio
  3. Salsa Feat. Jake La Furia
  4. Sono Un Fan
  5. Tifo Italia
  6. Un Tera Di Felicità Feat. Ermal Meta
  7. Stronzy
  8. Che Classe Feat. Francesco Sarcina
  9. I Film Di Truffaut
  10. Canzone Country Feat. Federica Abbate
  11. Voglio La Mamma

Jaxonville – tracklist

  1. Sansone
  2. Retirement plan (Vecchio, drogato e armato)
  3. Killing cool people is a civic duty (La gente cool)
  4. Death to contractors (Vi meritate la crisi)
  5. Boomer genocid (L’unica soluzione)
  6. Old Punk (Violenza pedagogica)
  7. I never liked me (Non mi piaccio più)
  8. Waterpark fucking (Nel cesso all’Aquafan)
  9. Narcissistic bitch (Rotture di cazzo)
  10. Vasco’s fault (Colpa di Vasco)
  11. Ramones is sex music (La mia tipa)
Ti potrebbe anche piacere