“CRUEL SUMMER”, IL TEEN DRAMA RIVELAZIONE DELLA STAGIONE

In principio fu “Beverly Hills 90210”. Trent’ anni dopo, il mondo dei “teen drama” si è evoluto, cambiando di pari passo alle generazioni raccontate. Eppure quando un “teen drama” è ben fatto, inchioda ancora il pubblico senza riserve. Ne è un buon esempio la serie tv “CRUEL SUMMER”, disponibile su Prime Video, che in Usa è stata realizzata per il canale Freeform, di proprietà di Disney.

Acclamata dalla critica, miglior debutto nella storia della rete tv, “Cruel Summer” spiazza perché torna nell’epoca in cui i teen drama sono stati inventati, rendendosi più cupo e senza colore (come piace alle nuove generazione che in “Tredici”, “Elite” e Billie Eilish trova riferimenti) unicamente grazie alla sua storia. La serie racconta di una ragazza adolescente che sparisce di casa da un giorno all’altro. Viene rapita (non vi diremo da chi per evitare spoiler) e liberata un anno dopo. Al suo ritorno, incolpa in diretta televisiva una compagna di scuola di averla vista imprigionata e di averla lasciata li. Senza denunciare nulla alla polizia, affinché la liberassero.

Questa almeno, è una versione della storia. Ma in “Cruel Summer” ognuno ha la sua di versione ed i propri segreti. Chi è sincero? Chi mente? Il bello della serie è che fino all’ultimo non si capisce chi sia il buono o il cattivo. E l’aspetto interessante di questi personaggi della nuova generazione, è che forse non sono incasellabili. Perché molto piu’ interessanti e complessi di quelli raccontati nelle serie passate.

Il creatore della serie tv, Bert V. Royal, ha 44 anni è nato in Colorado ed è cresciuto in Florida. Ha lasciato presto la frequentazione della scuola preferendo l’Homeschooling. Dichiaratamente gay, avrebbe voluto fare l’attore per poi rendersi conto crescendo, che nella scrittura avrebbe dato il suo meglio. Ed effettivamente lo ha ampiamente dimostrato scrivendo uno spettacolo off broadway di successo ed un film cult per ragazzi intitolato “Easy A“, che 10 anni fa diede il successo ad una giovane Emma Stone. Quando si gusta una serie tv, è importante conoscere chi l’ha pensata e scritta, perché spesso aiuta a comprenderne i tratti e quello che l’ha ispirata. Di Royal e della sua adolescenza negli anni 90, in “Cruel Summer” c’è molto. Un po’ di solitudine, il colore pop e la musica rock, la passione per il cinema, un retrogusto dolce e romantico, la paura e l’attrazione per il proibito, la scoperta del primo amore gay, il valore dell’amicizia, quello che gli altri pensano di te quando in realtà non ti conoscono affatto. E’ forse per questo attaccamento a cio’ che ha ideato, che a causa di una lite con la rete televisiva, ha lasciato la gestione della serie mentre si giravano i primi episodi. Tant’è che possono anche toglierti di mezzo, ma la serie resta una tua ottima intuizione e creatura.

Va menzionato anche l’eccellente lavoro di un gruppo di professioniste donne capaci, che dietro e davanti alla macchina da presa lavorano in team per la riuscita del prodotto. Eccellente il lavoro delle due produttrici esecutive della serie: Michelle Purple e Jessica Biel. La Biel, che negli anni 90 era teen star di “Settimo Cielo /7th Heaven” e’ da prendere come esempio per le nuove generazioni. Pur se sposata con Justin Timberlake e mamma privilegiata, non si siede mai sugli allori ma anzi evolve come donna e come artista dimostrandosi ottima produttrice di una serie “cool” e facendosi spazio ad Hollywood non solo come una valida attrice ma anche come una testa pensante, multitasking e puntata al futuro.

Credibili, empatiche e a tratti sorprendenti, per bravura e trasformismo, le due attrici protagoniste della serie: Olivia Holt in particolare, è destinata a diventare una star di Hollywood del futuro: recita benissimo, canta ed è anche terribilmente telegenica. Non a caso la Hollywood Critic Association l’ha già inserita in nomination come “Miglior Attrice di una seria drammatica per una rete via cavo”. Godetevi un tuffo nel 1993, 1994, 1995. Gustatevi lo scemare del colore che la regia modifica con il trascorrere degli anni e con l’aumentare dell’inquietudine delle protagoniste. Sappiate che “Cruel Summer” è già stato rinnovato per una seconda stagione e per favore… se una vostra vicina di casa dovesse sparire, magari chiamate la polizia. O almeno Barbara D’Urso. Col Cuore.

Seguici

Latest

FEDERICA CARTA: “OGGI COMBATTO IL MIO MOSTRO”

Con un’intima ballata sulla bellezza delle proprie fragilità, Federica Carta torna in radio con Mostro (Island Records/Universal Music Italia), il nuovo singolo...

SOUNDREEF, ENTE CHE GESTISCE I DIRITTI D’AUTORE, AMMESSA IN CISAC

Soundreef Ltd è stata ammessa in CISAC - La Confederazione Internazionale delle Società di Autori e Compositori, in qualità di Rights Management Entity.

ROCCO HUNT, FUORI IL VIDEO DI “CHE ME CHIAMME A FA?”

Fuori il video di “CHE ME CHIAMME A FA?” (Sony Music Italy), il nuovo singolo di ROCCO HUNT feat. Geolier! L’artista, reduce...

MANESKIN IN CONFERENZA STAMPA: “GRAZIE A CHI HA AVUTO IL CORAGGIO DI MANDARE ALL’EUROVISION UNA CANZONE ROCK!”

Dopo la proclamazione dei Maneskin come vincitori dell'Eurovision Song Contest 2021 hanno raccontato il loro entusiasmo in conferenza stampa

TY1: FUORI IL NUOVO SINGOLO “FANTASMI” FEAT. MARRACASH & GEOLIER

Da oggi ,venerdì 23 aprile, è disponibile su tutte le piattaforme digitali il nuovo singolo di TY1 “FANTASMI” feat. MARRACASH & GEOLIER...