Rkomi presenta in acustico “Taxi Driver – MTV Unplugged” ed è un gioiellino

Rkomi ha presentato il suo album “Taxi Driver” in una veste inedita, grazie allo storico ed iconico format di MTV “Unplugged”.
22 Condivisioni
22
0
0

Si torna finalmente a teatro, più precisamente al Carcano di Milano. Si torna grazie a Rkomi, al secolo Mirko Martorana, che ha scelto la dimensione più intima possibile per presentare l’inedita versione acustica del suo ultimo album: “Taxi Driver“, questa volta per l’iconico format di MTV “Unplugged“.

Con oltre 260 milioni di stream, l’album è diventato uno dei progetti di maggiore successo del 2021 e ora viene ripresentato in una veste inedita, riproponendo in versione acustica (e soprattutto dal vivo) i brani contenuti al suo interno.

L’artista di Calvairate ha voluto fare un passo avanti, raccontando in anteprima ai fan e in un post su Instagram, la sua filosofia nell’approccio alla musica: “Serviva coraggio e questa è la cosa che ho sempre perfettamente in testa quando faccio musica. Non fare quello che sono certo di saper fare, ma di andare sempre a cercare cosa viene dopo.

rkomi

Si spengono le luci, si alza il sipario e il cantautore milanese inizia ad intonare uno dei suoi brani più noti, “Visti dall’Alto“. È visibilmente emozionato e forse profondamente colpito di essere nei panni di chi ha fatto la storia di MTV Unplugged. Rkomi, infatti, è l’ultimo grande nome in ordine di tempo da protagonista dell’evento: dagli anni ’90 ad oggi hanno partecipato big della musica come Jay-Z, Nirvana, Mariah Carey, Bob Dylan, Bon Jovi, Lauryn Hill, Bruce Springsteen, Adele, Pearl Jam, Maroon 5, Shawn Mendes, Lil Wayne e tanti altri. In Italia, finora, gli artisti selezionati per partecipare erano stati solo Giorgia (nel 2005) e Alex Britti (nel 2007), oltre ai Negrita (che si esibiranno durante la Milano Music Week di novembre 2021).

Si passa al repertorio dell’ultimo album e si susseguono una carrellata di ospiti, tutti presenti in “Taxi Driver“. Ci sono due considerazioni importanti da fare: la prima è che è un disco che sincero, onesto, crudo, scritto con la testa ma cantato “di pancia”, dove Rkomi si mette profondamente a nudo come forse non lo avevamo mai visto prima. La scelta di lasciare la periferia, pur essendo perfettamente consapevole delle proprie origini; il desiderio di riscatto che passa attraverso la musica, la boxe thailandese e lo studio, la ricerca, le numerose letture (da Dostoevskij a Nabokov), il coraggio di intraprendere una nuova strada per ampliare il proprio sguardo. Tutte queste sfaccettature della vita e dell’identità di Mirko sono state incanalate e messe nero su bianco.

La seconda è che ciascun brano presentato ieri sera si è rivestito di una luce nuova, dall’elegante “Mare che non sei” (in duetto con una splendida Gaia) alla fresca e spensierata “Luna piena” (con Irama e Shablo), passando per l’omaggio a Battisti con “10 ragazze“, la struggente “Cancelli di mezzanotte” con Chiello FSK e un’inedito remix di “Partire Da Te” in coppia con Madame, sicuramente una delle esibizioni più intriganti e riuscite della serata. Merita una menzione speciale l’assolo di chitarra di Luca Faraone, collaboratore del cantante milanese, sulle note della title track; così come la versione “pulita” di “Ho spento il cielo” con Tommaso Paradiso, che chiude l’esibizione guardando dritto negli occhi Mirko e sussurrandogli: “Io ti voglio bene“. Anche noi te ne vogliamo Rkomi. Ci sei piaciuto tanto, anzi tantissimo.

Taxi Driver – MTV Unplugged” è in uscita venerdì 24 settembre su tutte le piattaforme digitali.

Ti potrebbe anche piacere