#SALVIAMOLAMUSICALIVE – DA SAN SIRO SI ALZA L’APPELLO DEI PROMOTER: “RIPARTENZA AL 100%”

Si alza proprio da San Siro, uno dei templi della musica dal vivo, l’appello alle istituzioni da parte dei promotori dei concerti, sostenuti dagli artisti. La richiesta al presidente Draghi è tutta racchiusa nel titolo dell’iniziativa: #SalviamoLaMusicaLive.

Siamo a 13440 giorni senza consistente musica dal vivo. É un tempo lungo, è ora che scada. Vanno prese decisioni“. Così Vincenzo Spera, presidente dell’associazione Assomusica, dà inizio al disperato appello di artisti e lavoratori del settore della musica dal vivo. Da marzo 2020, chi vive di show live, chi vive di emozioni, è completamente fermo a causa dell’emergenza sanitaria e del sostegno (nullo) da parte delle istituzioni.

Come tutti i settori entrati in crisi dopo lo scoppio della pandemia, anche l’industria della musica dal vivo ha bisogno di certezze e deve essere tutelata con altrettanta serietà e attenzione. Ad oggi, quando si parla di ripartenza della cultura, si sentono sempre le parole Teatro, Cinema, a cui si aggiunge Stadio solo in ottica calcistica. Anche la musica dal vivo è cultura, è economia, è industria, illumina club, palazzetti e stadi… genera emozioni!

La proposta del protocollo che si alza dalla voce dei promotori per la ripartenza con capienza al 100% è la seguente:

  • Ingressi ai concerti previa verifica del GREEN PASS
  • Mascherine obbligatorie e controllo temperatura per gli show al chiuso
  • Abolizione del distanziamento
  • Che sia fissata una data certa per la ripartenza attraverso un piano condiviso entro il 31 ottobre

Qual è il piano B se questa proposta non verrà accolta? Salzano, in accordo con il presidente di Live Nation De Luca, risponde chiaramente: “Non vogliamo avere piani B“. Se il governo non accetterà la ripartenza in queste condizioni, i promotori saranno costretti ad accogliere nelle venue solo fan immunizzati e vaccinati a ciclo completo.

Le istituzioni fino ad ora hanno girato attorno a questa filiera dando poche risposte, anzi nulle. La musica dal vivo è ripartita in quasi tutto il mondo, a partire dagli Stati Uniti fino ad arrivare ad Austria, Belgio, Danimarca, Inghilterra, presto riapriranno le venue anche Irlanda, Portogallo e Svezia.

E l’Italia? Noi siamo pronti, come sono gli artisti e i promotori, con un protocollo che non ha nulla di sbagliato. Ci aggreghiamo al coro dei lavoratori del settore e cantiamo anche noi #SalviamoLaMusicaLive con fiducia verso le istituzioni.

Riprendendo le parole del Presidente del Consiglio Draghi, di Vincenzo Spera e dei Queen, chiudiamo (con molta speranza e voglia di ripartenza) con quello che amiamo di più: la musica!

“Whatever it takes, the show must go on!”

Annalaura Rossi
Annalaura Rossi
Amo qualsiasi cosa che possa essere definita arte: la musica, il cinema, la danza… Ascolto ogni tipo di musica, amo viaggiare e sogno di unire le due cose girando il mondo in tour! Intanto studio comunicazione e imparo da qualunque opportunità mi si presenti.

Seguici

Latest

5 CURIOSITA’ SU…COEZ

Ecco 5 curiosità su Coez, nome d'arte di Silvano Albanese, il rapper campione di vendite che l'11 Luglio compie 38 anni.

CALLING – EDOARDO BENNATO: “SANREMO? IO SONO UN TIPO ROCK”

Torna l'appuntamento settimanale con "Calling", il format lanciato da Stefano Fisico a tu per tu con gli artisti più importanti della scena...

IMAGINACTION: NELLA QUINTA EDIZIONE UNA SPECIALE SERATA DEDICATA AI CANTAUTORI

Imaginaction, festival internazionale del videoclip, svela gli appuntamenti. Nella serata finale spazio a Gino Paoli, Ron e Samuele Bersani

CARO ALESSANDRO CATTELAN, QUESTA E’ LA RAI!

Piove. Piove forte a Viale Mazzini. E per quanto si cerchino scuse o ragioni alla base del tracollo, la frittata ormai è...

BIONDO APRE UN NUOVO CAPITOLO CON “GARÇON” FEAT. SHADE

Biondo, dopo un breve periodo di pausa, riscopre sé stesso e lo fa assieme a Shade con il brano "Garçon". Il cantante...