ANNA VALLE: LUCE DEI TUOI OCCHI

Nell’ultimo anno, in seguito a svariati flop accumulati, Mediaset ha dato nuovo corso alle sue serie tv. Quando sei un editore, e spendi tanto per un prodotto di prima serata, non puoi accontentarti della media del 12%. Specialmente quando il territorio di genere ha visto esplodere nel frattempo Netflix, Amazon Prime e Disney Plus.

Realizzare una serie tv per una rete generalista è piu’ difficile d’altronde che farlo per una piattaforma, perché su una rete come Canale 5 l’obbiettivo è di radunare davanti alla tv piu’ persone di una stessa famiglia. Quindi nella scelta dei protagonisti e delle storie da raccontare, ti rivolgi a tutti (bambini, teenagers, genitori, nonni) nella speranza di non deludere nessuno. La formula che almeno in Mediaset sembra funzionare è quella del “volto familiare” unito alla “storia toccante”. Cosi’ dopo “Svegliati amore mio” con Sabrina Ferilli e “Buongiorno Mamma con Raoul Bova, arriva “Luce dei tuoi occhi” con Anna Valle e bisogna riconoscere che si tratta di una vittoria per la rete. Media del 15.5% e spesso prodotto piu’ visto in prime time.

Produce Banijay Studios, società indipendente fondata nel 2018 e controllata di Banijay Group. Alla guida della divisione, come Head Of Drama, Massimo Del Frate che dalle ceneri di Endemol e Mediavivere porta con se i migliori sceneggiatori: Eleonora Fiorini e Davide Sala. “Luce dei tuoi occhi”, storia di un’insegnate di ballo alla ricerca della figlia perduta, non presenta niente di rivoluzionario, ma quando un prodotto è ben fatto bisogna ammetterlo e raccontarlo al pubblico.

La serie è scritta bene, con un intreccio credibile e colpi di scena ben calibrati, ed interpretata ancora meglio. Anna Valle si conferma star della fiction di casa nostra e veste bene i panni di una donna di classe, in una sala prove. E’ empatica con i giovani attori del cast e solare quando sorride. Affiancata per altro da ragazzi molto bravi, alla ricerca di credibilità e non di visibilità a tutti i costi, Anna fa centro quando si unisce a loro correttamente, senza voler primeggiare ma dimostrando complicità. Menzione speciale poi per due attrici eccellenti: Maria Rosaria Russo, che buca lo schermo e con Anna Valle si contende la scena di star assoluta del racconto, e Paola Pitagora che conferma il suo calibro nel ruolo della madre della protagonista.

Una ragione in più per guardare la serie è l’ambientazione nella bella Vicenza, cittadina conosciuta da pochi, che qui viene raccontata in tutta la sua bellezza attraverso droni e carrellate, in un surreale silenzio da lockdown. Non deve essere stato facile per Banijay girare nell’estate 2020 quando ancora la maggior parte dei set erano chiusi. Eppure lo hanno fatto e bene. Segno che in Italia non dovremmo sempre sentirci secondi agli altri, ma al contrario ogni tanto vantarci della nostra “luce negli occhi”.

Seguici

Latest

DAVIDE VAN DE SFROOS PRESENTA IN CONFERENZA STAMPA L’ALBUM “MAADER FOLK”

Davide Van De Sfroos ha presentato in conferenza stampa il suo nuovo progetto discografico, "Maader Folk", in uscita venerdì 17 settembre.

SANREMO 2021, CRONACA DELLA PRIMA CONFERENZA STAMPA

Al via la prima conferenza stampa ufficiale della settimana di Sanremo 2021, al via a partire da domani in prima serata su Rai...

“BELLA STORIA” DI FEDEZ E’ IL BRANO PIU’ TRASMESSO DALLE RADIO ITALIANE

BELLA STORIA È IL BRANO PIÙ TRASMESSO DALLE RADIO, #1 NELLA CLASSIFICA AIRPLAY “Bella Storia” di Fedez è il...

SENHIT, DOPO GLI EUROVISION SARA’ OSPITE D’ONORE AL PARTY DI OGAE ITALY

SENHIT, artista poliedrica, cantante, attrice e performer, nata a Bologna ma cittadina del mondo, vanta performance in tutto il mondo e collaborazioni con...

BARBARA D’URSO: IL RISCATTO DELL’OPERAIA DI COLOGNO

C’era una volta “la luce” di Barbara. Un faro che illuminava tutta Cologno Monzese e faceva impallidire chiunque. Quel faro che rendeva...