Da zero a cento, i lavori “normali” delle grandi star

1 Condivisioni
1
0
0

C’è un giochino che mi piace fare quando penso alle star della musica e del cinema, quello di scoprire cosa facevano prima di diventare famosi. Lo sappiamo tutti che nessuno “nasce imparato” e che ognuno avrà intrapreso un percorso di studio e formazione, ma qui le curiosità abbondano se pensiamo che star hollywoodiane e artisti che hanno fatto la storia della musica, una volta facevano dei “lavori normali”, a volte anche assurdi. Vediamone alcuni.

La bella Rihanna, Riri, arrivata al successo grazie a brani come “Diamonds” e “Umbrella” e che a breve darà alla luce la sua prima o il suo primo erede insieme al fidanzato A$AP Rocky, beh non sempre ha avuto come unica vocazione quella del canto: pare che infatti in passato abbia indossato per ben cinque anni la tenuta mimetica come cadetto nell’esercito di Barbados, suo paese di origine. Rihanna, Robyn Fenty all’anagrafe, che lo scorso anno, secondo Forbes, è diventata la prima musicista donna miliardaria, seconda solo ad Oprah Winfrey nel mondo dell’intrattenimento. Un patrimonio che ammonterebbe a circa 1.7 miliardi di dollari, fortuna che proverrebbe non tanto dalla musica, quanto dalla sua linea di make-up Fenty Beauty.

Veronica Ciccone, in arte Madonna, la regina del pop, una delle cantanti più iconiche degli ultimi 40 anni prima di sfondare nella musica, per pagarsi l’affitto, avrebbe di tutto, anche la commessa presso la famosa catena americana Dunkin’ Donuts specializzata nella vendita di ciambelle. La star di “Material Girl”, “Like a Prayer” e “La Isla Bonita” era addetta al servizio clienti e pare sia stata addirittura licenziata per aver schizzato della marmellata proprio su dei clienti. Altra icona della musica mondiale che da ragazzino ha fatto tanti sacrifici è il Duca Bianco, David Bowie: si racconta che all’età di 13 anni lavorasse come garzone da un macellaio per pagarsi le lezioni di sax.

Altro artista di grande successo, in queso caso più giovane, è Harry Styles: pensate che l’ex componente degli One Direction prima di arrivare ad X Factor e vedere iniziare la propria carriera artistica faceva il panettiere. A sottolinearne la professionalità anche in questo settore ci ha pensato il suo vecchio capo che intervistato dal Daily Mail ha detto: “Era il membro più educato del personale che abbia mai avuto. I clienti erano davvero colpiti”. La carriera da solista dell’ex directioner è iniziata nel 2017 e oggi Harry Styles è uno degli artisti più famosi e ascoltati al mondo. Reduce da una grande performance al Festival del Coachella, con la sua “As It Was” Harry Styles ha da poco stabilito il record di artista maschile più streammato in sole 24 ore. Sarebbe anche simpatico rivederlo dietro ad un bancone a servire pane ai propri clienti, ma noi lo preferiamo ancora su un palco.

C’è anche Miley Cyrus tra le giovani artiste partite facendo lavori completamente diversi. La figlia di Billy Ray Cyrus diventata famosa grazie alla serie Disney “Hannah Montana” anni fa, intervistata dall’attrice Tyra Banks al “Tyra Banks Show”, disse che quando aveva 11 anni puliva case presso una società chiamata Sparkles Cleaning Service. Altra artista femminile di successo che iniziò con un mestiere alquanto insolito è Taylor Swift, che essendo cresciuta in una sorta di fattoria che si occupava di alberi di Natale, aveva il compito di controllare se u questi fossero presenti degli insetti. Intervistata nel 2008 nello show di Jay Leno disse: “Ero troppo giovane per aiutare a trasportare gli alberi sulle colline e a metterli sulle macchine. Per questo il mio compito era quello di staccare i baccelli di mantide dagli alberi di Natale. Pensa una volta mi sono dimenticata di controllarne uno e tutti quei baccelli si sono schiusi nella casa delle persone che avevano acquistato quell’albero. Un vero disastro!”

Cantante e attrice di grande successo, Lady Gaga quando era più giovane ha fatto la cameriera e pare che, come lei stessa ha rivelato alla rivista Elle Magazine, fosse particolarmente brava in questo mestiere, dando a tutti sempre grandi consigli.

Vogliamo andare per un attimo anche sul mondo del cinema? La bella Demi Moore quando di si trasferì in California per pagarsi le bollette lavorava in un’agenzia di recupero crediti, la bomba sexy Eva Mendes in passato dovette indossare l’uniforme colorata della catena di fast-food Hot-Dog on a Stick. Probabilmente per servire i clienti o fare della semplice pubblicità. Vogliamo parlare poi del grande Danny DeVito, che durante un’estate dovette occuparsi di pettinare i cadaveri in una camera mortuaria, del premio Oscar Matthew McConaughey che prima di arrivare ad Hollywood lavorò in un pollaio e come lavapiatti, poi Megan Fox che su travestiva da banana e preparava frullati in un bar e Christopher Walken che da bambino lavorava in un circo itinerante come assistente domatore di leoni.

C’è davvero da sbizzarrirsi perché la lista è davvero lunga: Harrison Ford faceva il falegname, James Franco mentre studiava a Los Angeles dovette lavorare da McDonald’s di notte, Brad Pitt che come Eva Mendes lavorava in una catena di fast-food messicana travestito da pollo gigante per pubblicizzarla, Johny Depp lavorò in tv come venditore di penne a sfera e infine Dustin Hoffman, che per sbarcare il lunario e prima di diventare uno dei più grandi attori di sempre, scrisse per le pagine gialle, lavorò come addetto al guardaroba e assemblò collane hawaiane.

Tutti artisti la cui grandezza è stata determinata si dal talento, ma anche da questo, dall’essersi sporcati le mani con umiltà, facendo dei mestieri differenti che ti insegnano come con fatica i sogni si possono raggiungere.

Ti potrebbe anche piacere
manfredi_milano-droga

MANFREDI: “LA MILANO DROGA DELLE MIE DELUSIONI”

A distanza di quattro anni da 20143 Milano Navigli prosegue l’analisi introspettiva della nuova promessa dell’indie italiano Manfredi – cantautore classe ’98 – con il nuovo singolo Milano Droga, in uscita venerdì 19 febbraio per Foolica, disponibile in streaming e digital download.