La “Samba” di Taxi B prova a cambiare le regole della trap

2 Condivisioni
2
0
0

Lui è Michele Ballabene, classe 1998, membro del collettivo FSK Satellite e in arte Taxi B. Il suo nuovissimo singolo, “Samba”, un concentrato d’influenze latinoamericane e trap, sancisce l’inizio di un nuovo percorso in musica nella scuderia di Island Records.

Il brano, scritto dallo stesso Taxi B con la produzione di Greg Willen (che, tra i tanti, ha lavorato anche con Bresh, Il Pagante e Rosa Chemical) è un brano che riconosce l’unicità e la credibilità rtistica del suo giovane interprete, pur virando verso delle sonorità che forse non ci si aspetterebbe da Michele, mescolate a giochi di parole e riferimenti a personaggi di dubbia morale. 

Il videoclip ufficiale del singolo è stato prodotto da Borotalco Tv con la regia di Manuel Tatasciore, con cui Taxi B aveva già avuto modo di collaborare in passato. Si tratta di un raccolto surreale in musica, ricreato attraverso delle atmosfere oniriche e con molteplici riferimenti alla giornata più significativa della cultura messicana: il tradizonale Dia de Los Muertos, in cui si rende omaggio ai propri cari passati a miglior vita, offrendogli cibo e bevande.

Gli inizi con la FSK Satellite

Michele si avvicina alla musica nel 2017, pubblicando il singolo “Blackdragon” sul canale del collettivo FSK Satellite, seguito da “Scarface”, quest ultimo prodotto da Greg Willen. Il collettivo nasce proprio in quell’anno, in provincia di Potenza e unisce le diverse influenze di ciascuno dei suoi membri: Chiello ne rappressenta il lato più emo-rap e indie-pop, Sapobully è orientato verso la drill, mentre Taxi B si avvicina spiccatamente allo stile punk. Il loro debutto in trio avviene con “Flexioni” e successivamente con l’album indipendente “Zingaro“, composto da otto tracce.

Il collettivo sale ufficialmente alla ribalta con l’album “FSK Trapshit“, pubblicato il 12 luglio 2019 per l’etichetta Thaurus e ponendosi come un punto di riferimento per la scena trap, screamo ed emo. Il suo successo consente ai tre artisti di conquistare un Disco d’Oro a gennaio 2020, per aver venduto complessivamente più di 25,000 dischi. A settembre dello stesso anno, il trio ottiene il Disco di Platino per le 50,000 copie vendute nell’arco di quasi un anno. In parallelo Taxi B collabora con Rosa Chemical (in “Long Neck”), Paste Pazze e Woody Woodpecker. Nel 2020 rivisita anche “Sport + Muscoli insieme a Paky Lazza, originariamente cantata da Marracash e Luchè, oltre a cantare in “Snitch & Impicci” di DrefGold e “Clochard” con Pyrex e Sick Luke.

Nel 2021 i membri della FSK Satellite si prendono una pausa dal gruppo e si concentrano sui propri progetti solisti. Il primo membro a far uscire una canzone solista dopo l’annuncio della loro pausa è Taxi B, che pubblica il singolo “Sesso & Soldi“, prodotto da Boss Doms. Lo segue Chiello, che rilascia un brano prodotto da Shablo: “Quanto ti vorrei“. Il singolo anticipa l’uscita del primo disco in solitaria di un membro del collettivo lucano: “Oceano Paradiso“. Prende parte al progetto anche Michele, nella traccia “Damerino“.

Un fotogramma del videoclip di “Samba“, il nuovo singolo di Taxi B, diretto da Manuel Tatasciore

Lo screamo, le sue origini e la sua influenza nel rap contemporaneo

Lo screamo è un sottogenere del punk, sviluppatosi a San Diego nel 1991 e che si è evoluto nel corso del tempo a partire dall’influenza dell’hardcore punk. Nei primi anni duemila, tuttavia, il termine iniziò ad essere utilizzato per descrivere un genere meno caotico, confusionario o dissonante, ma più lento e melodico con chiare influenze alternative rock.

Parlare di screamo negli anni ’90 significa fare riferimento ad una precisa scena musicale, sviluppatasi nei pressi di un noto caffè della costa californiana: il Ché Cafè, dove erano soliti esbirisi gruppi come i Portrais of Past, gli Antioch Arrow, i Mohinder, gli Swing Kids e gli Angel Hair. Lo screamo tornò in voga nel 2002, quando il pop-punk incominciò ad essere un genere di riferimento per tantissimi adolescenti dell’epoca che non si identificavano nel pop radiofonico e grazie all’avvento di gruppi di successo come i Thrusday, i Silvestein e gli Alexisonfire.

E per quanto riguarda l’Italia? Sicuramente è arrivato a toccare persino il rap, imponendo un nuovo stile canoro estremamente in voga su Soundcloud e che fa riferimento all’emo e al punk dei decenni 90-2000, con voci come XXXTentacionCity Morgue e Scarlxrd. Ciò che ci colpisce di Taxi B (e gli ha permesso di collaborare con alcuni dei nomi più importanti della scena musicale nostrana) è il suo modo di fare musica, guardando all’Italia ma con un’attitudine che sembra guardare oltreoceano.

Ti potrebbe anche piacere