Meryl Streep

Meryl Streep: l’attrice pluripremiata spegne 73 candeline

35 Condivisioni
35
0
0

Il 22 giugno 1949 nasceva Meryl Streep, una strepitosa e pluripremiata attrice statunitense che ha saputo emozionare con le sue pellicole e i suoi ruoli. È la prima di tre figli e cresce nel New Jersey trascorrendo una giovinezza tra lezioni di canto e tra le cheerleaders al liceo. Scopre la sua dedizione per il mondo della recitazione durante il college quando recita per la prima volta nello spettacolo “La signorina Julie” nel 1969. Questo sarà l’inizio di una passione che la porterà ad essere quello che è oggi Meryl Streep nel panorama cinematografo internazionale.

Dopo una laurea a Yale, si trasferisce a New York e inizia a lavorare per il New York Shakespeare Festival portando in scena drammi come “Enrico V” e “La bisbetica domata”. Rimane stregata dall’interpretazione di Robert De Niro in “Taxi Driver” e decide di debuttare nel mondo del cinema. L’esordio ufficiale arriva nel 1977 con il film “Giulia” di Fred Zinneman dove la Streep interpreta un ruolo minore. L’anno dopo invece si guadagna l’attenzione con la pellicola “Il cacciatore” recitando proprio accanto a Robert De Niro e Christopher Walken. Ottiene la prima candidatura agli Oscar come miglior attrice non protagonista.

Il primo riconoscimento alla carriera è un premio Emmy vinto come migliore attrice protagonista in una miniserie intitolata “Olocausto”. Il primo Oscar come miglior attrice non protagonista invece arriva con la pellicola “Kramer contro Kramer”.

Nel 1981 finalmente il primo ruolo da protagonista nel film “La donna del tenente francese”; è l’inizio del suo successo. L’anno dopo vincerà l’Oscar come miglior attrice in “La scelta di Sophie” incantando pubblico e critica con la scena che l’ha resa consacrata al mondo della recitazione. Si tratta del momento in cui il personaggio che interpreta, ovvero una madre ebrea, è obbligata a scegliere quale figlio salvare dalla camera a gas. La Streep ha raccontato di aver voluto girare quella scena una sola volta a causa dell’intensità del momento. Negli anni Ottanta seguono poi film come “La mia Africa”, “Heartburn-Affari di cuore”, “Ironweed” e “Un grido nella notte”.

Dopo un periodo di crisi, nel 1995 recita nella pellicola di “I ponti di Madison County” diretto da Clint Eastwood in cui la Streep interpreta una donna italiana Francesca sposata con un fotografo del National Geographic.  Per questo ruolo si ispirò alle attrici italiane Sophia Loren e Anna Magnani. Il film fu un vero e proprio successo. Con una carriera così importante, Meryl Streep rientra ufficialmente nell’Olimpo di Hollywood e nel 1998 ottiene la sua stella sulla Hollywood Walk of Fame.

Menzione d’onore per “Il diavolo veste Prada” in cui Meryl Streep interpreta Miranda Priestly, l’influente e tirannica direttrice della rivista di moda Runway. Iconica anche l’interpretazione del personaggio di Donna Sheridan in “Mamma mia!” con le musiche originali del gruppo ABBA. Al botteghino è record di incassi e la pellicola in poco tempo ottiene un successo mondiale. Grazie alla colonna sonora studiata al dettaglio, il film ottiene una candidatura a Grammy Award.

Altri film che ricordiamo di questa straordinaria attrice sono “Il dubbio”, “Julie&Julia”, “I segreti di Osage County”, “Into the Woods”, “Florence”, “Piccole donne”, “The prome” e “Don’t look up”, pellicola di successo del 2021 con Leonardo DiCaprio.

Madre di quattro figli, è impegnata in cause sociali battendosi contro la violenza sulle donne. Si è più volte schierata a favore della comunità LGBT diventandone un’icona grazie ai ruoli nei film “Manhattan”, “La morte ti fa bella”, “Mamma mia!”, “The hours” dove recita accanto a Nicole Kidman.

Meryl Streep ha il record per il maggior numero di candidature agli Oscar, nominata infatti ben 21 volte dal 1979. Di Oscar ne ha vinti effettivamente tre come miglior attrice. anche per quanto riguarda i Golden Globe numeri da capogiri: 31 candidature e 9 vittorie. Meryl Streep è davvero un’attrice da record e il suo punto di forza risiede nella dinamicità interpretativa con cui lavora. Si cimenta sempre in nuove sfide e nuovi personaggi che realizza in maniera impeccabile grazie alle molte ore di studio. Quindi cara Meryl Streep ti auguriamo un buon compleanno e di continuare a risplendere.

Ti potrebbe anche piacere
Massimo Ranieri

“QUI E ADESSO” C’E’ SEMPRE MASSIMO RANIERI

Diciassette brani, di cui cinque inediti e dodici riletture di alcuni pezzi della primissima ora. "Qui e adesso" è il nuovo album di Massimo Ranieri, un lavoro in cui passato e presente del performer napoletano si incontrano a metà strada tra canzone popolare e canzone d'autore.