Dj Rimo

DJ Rimo: “Insieme da sempre, affascinati dal mondo dei dj”

1 Condivisioni
1
0
0

I DJ Rimo, DJ & Producers italiani di origini bulgare, ritornano con un’altra produzione inedita intitolata “Don’t Stop” pubblicata per la prima volta da Blanco y Negro Music. Quest’anno saranno supportati da moltissimi DJ internazionali e da moltissime playlist su Spotify e Radio.

Ciao ragazzi, intanto che piacere conoscervi. Vogliamo andare a ritroso e tornare al 2015, a quando sono nati i DJ Rimo”?

<<Innanzitutto piacere nostro. Partiamo dal nome d’arte “DJ Rimo “, che ha un duplice significato: richiama il cognome e riassume, con le iniziali, il modo di proporci al pubblico. Ritmo, Intrattenimento, Musica, Originalità. Noi siamo Edoardo Stoyan Rimoldi e Riccardo Raico Rimoldi, dj e producer Italiani di origine bulgara. I DJ Rimo sono nati nel 2015 proprio perché era l’anno in cui entrambi non vedevamo l’ora di scoprire cosa c’era dietro ad un dj set o ad una canzone. All’inizio era tutto una grande novità, alla scoperta della figura del Dj, prima di ogni progetto. Tutto iniziò nel 2015 con dei piccoli dj set con amici, anche associati allo sport, la MTB che pratichiamo ancora. Abbiamo iniziato così! Ovviamente la musica era già una delle nostre passioni: anni 70, 80, 90 e contemporanea. Fin da piccoli abbiamo frequentato scuole di musica, suonando con piccole band.>>

Perché la scelta di unire le forze” e non di intraprendere dei percorsi separati e da solisti”? Passatemi il termine.

<<La scelta di unire le forze è stata presa perché volevamo legare il ritmo della batteria (Riccardo) con le note melodiche e gli accordi della tastiera (Edoardo), perché entrambi suonavamo. Siamo fratelli, abbiamo sempre scelto di uscire insieme, con amici comuni, andiamo d’accordo e se discutiamo, cerchiamo di chiarire in breve tempo. Da qui, anche grazie alle passioni in comune (sport e musica), scegliere di suonare insieme è stato facile.>>

Siete nati nel 2015 ma bisogna attendere fino al 2020 per far vedere la luce al vostro primo singolo Light”. Quanto lavoro c’è stato in questo lasso di tempo?

<<Per anni, dopo lo studio, di sera, cuffie in testa e computer. Abbiamo sempre lavorato sulle note, cercando accordi, la giusta atmosfera, cercando di influenzare anche i gusti del pubblico e trascinarli in un viaggio sonoro senza interruzioni, almeno questa era l’idea. Tutto questo è servito per pubblicare nel 2020 il nostro primo inedito “Light – la rinascita dopo il buio” con etichetta indipendente. Sicuramente il primo inedito è stato un po’ una sorpresa.>>

È stata unattesa” programmata o imprevista?

<<Sì è stata un’attesa programmata perché nel periodo precedente al primo inedito, frequentavamo corsi online di produzione musicale come creare suoni attraverso tecniche di composizione avanzate, arrangiamenti, teoria musicale, mix e master. Abbiamo aspettato tutto questo tempo per poter apprendere al meglio cosa sia una DAW e cosa sia un plug-in, scoprendo ed imparando il mondo della musica digitale. Un mondo nuovo, dove poter suonare strumenti virtuali di ogni genere.>>

Siete italiani ma di origine bulgara. Che rapporto avete con la Bulgaria? Con la cultura, la lingua e soprattutto la musica di questo paese. È una risorsa per voi o qualcosa che osservate da lontano?

<<Siamo nati a Burgas, sul Mar Nero in Bulgaria. Nel 1999 siamo stati adottati all’età di due e quattro anni, i ricordi sono inesistenti, abbiamo foto, ma la lingua e i luoghi si dimenticano subito. La Bulgaria ci ha dato la vita, ma è qui in Italia che siamo cresciuti e diventati grandi. Pur ascoltando, a volte, musiche popolari Bulgare, guardiamo da lontano la cultura di questo popolo. Prima della pandemia avevamo deciso, con i nostri genitori, di tornare in Bulgaria, per respirare gli usi e le tradizioni di quel posto e rivedere i luoghi che purtroppo non ricordiamo affatto. Ci andremo sicuramente, ma l’Italia è la nostra patria e la nostra vita è qui.>>

Arriviamo al vostro nuovo brano Dont Stop”, che descrive i vari momenti che si vivono in una relazione, tra energia e sbalzi dumore. Lo spunto è preso da unesperienza personale?

<<L’idea del testo del nostro nuovo brano “Don’t Stop”, rilasciata dall’etichetta spagnola Blanco y Negro Music, è stata presa da un racconto di un uomo e una donna: non è un’esperienza personale, volevamo semplicemente descrivere gli stati d’animo che molte relazioni attraversano, cercando di enfatizzarli con la musica.>>

House e disco music che si fondono in un unico brano. Perché questa scelta?

<<House e Disco Music, sì, voluti fortemente in un unico brano. Pur amando la disco music volevamo dare un’impronta più moderna e personale al nostro inedito, un’energia fatta di ritmo e desiderio di cambiare. Abbiamo pensato che le sonorità della musica house si potevano tranquillamente fondere con la disco music, uno stile dove la linea di bassi veniva leggermente accentuata, mentre il groove e il synth, usati per le parti un po più ritmiche, sono stati una scelti per poter miscelare il groove della disco music con le sonorità moderne della musica House.>>

Dove affonda le radici la passione musicale dei DJ Rimo?

<<Le radici e la passione musicale dei DJ Rimo si fondono attraverso l’ascolto di tanta musica con i nostri genitori, fin da piccoli. In famiglia si ascoltano brani di artisti come Domenico Modugno, Pino Daniele, Zucchero, Mina, Eros Ramazzotti, Michael Jackson, Dire Straits, Blues Brothers, Pink Floid, Rolling Stones, Diana Ross, Barry White, KC & The Sunshine, Queen, Bee Gees, Village People, Donna Summer, Gloria Gaynor, questi solo per citarne qualcuno. Tuttora li ascoltiamo e siamo ancora molto influenzati da loro.>>

Dopo un periodo buio dovuto alla pandemia, finalmente sono tornati gli eventi live. Dove porterete la vostra musica questestate?

<<Nonostante il grande periodo di buio dovuto alla pandemia, anche noi DJ Rimo finalmente stiamo tornando live, portando la nostra musica e inostri dj set personalizzati in radio e nei club nelle province di Varese e Milano. Quest’anno siamo riusciti a lanciare il nuovo inedito “Don’t Stop” anche su Silver Music Radio, nel programma Sir Claude Selecta, e su Radio 906 One Dance nel Radio Show di Alex Nocera. E’ stata davvero una grande emozione….>>

Nella vostra vita c’è un posto speciale per la musica ma anche per lo sport. Ce ne parlate?

<<Il posto speciale per noi DJ Rimo dove la musica e lo sport brilleranno sempre è nel nostro cuore, insieme alle persone unite dalla nostra stessa passione. Le stesse persone che hanno condiviso insieme a noi esperienze in campo musicale e nello sport, sia a livello amatoriale che da professionista. Quelle persone sono i nostri amici, tutti quelli che ci seguono e che ci spronano ad andare avanti e a coltivare sempre i nostri sogni, grandi o piccoli che siano. Il nostro grazie va a tutti loro.>>

Ti potrebbe anche piacere