Galeffi
Ph. Ilaria Ieie

Galeffi: nuove date in giro per l’Italia del “Belvedere Tour”

2 Condivisioni
2
0
0

Dopo aver pubblicato due album e aver atteso tre anni dal suo ultimo concerto ufficiale, Galeffi è finalmente pronto a tornare sul palco con uno show tutto nuovo, una band rinnovata e una scaletta che spazia nel meglio della sua discografia. 

Adesso per il cantautore è arrivato il momento di condividere il suo meraviglioso viaggio, intrapreso con i suoi ultimi due dischi ancora mai eseguiti nel corso di un tour, con tutte le persone che non vedono l’ora di farsi trasportare ed emozionare dalla sua musica anche dal vivo. 

Si aggiungono a gennaio 2023 nuove date in giro per l’Italia ai due imperdibili live del BELVEDERE TOUR del 3 dicembre a Roma e dell’11 dicembre a Milano. Già sold out la prima data di Roma, che a grande richiesta raddoppia nella Capitale. 

Per l’occasione Galeffi porterà il suo nuovo progetto, “BELVEDERE”, il suo secondo album “SETTEBELLO” (uscito a marzo 2020) e tutti i brani più amati dal suo pubblico. Ad accompagnarlo sul palco ci saranno: Luigi Winkler (chitarra), Matteo Cantagalli (tastiera e chitarra), Fabio Grande (chitarra, basso, cori) e Andrea Palmeri (batteria).

Le date del “Belvedere Tour” di Galeffi

Galeffi
date prodotte e organizzate da Magellano Concerti

03 dicembre 2022 – ROMA – LARGO VENUE – SOLD OUT

11 dicembre 2022 – MILANO – MAGAZZINI GENERALI 

13 gennaio 2023 – FIRENZE – VIPER 

14 gennaio 2023 – ROMA – LARGO VENUE

19 gennaio 2023 – TORINO – HIROSHIMA MON AMOUR

20 gennaio 2023 – RONCADE (TV) NEW AGE

21 gennaio 2023 – CESENA – VIDIA CLUB

27 gennaio 2023 – BRESCIA – LATTERIA MOLLOY

28 gennaio 2023 – BOLOGNA – LOCOMOTIV 

Galeffi in questi mesi ha deciso di accompagnare la notizia del suo ritorno sui palchi pubblicando dei video intimi ed emozionanti di “Dolcevita”, “In Questa Casa” e “Cinema Fantasia”, diretti da Thomas T. Fasciana e disponibili sul canale YouTube dell’artista. 

Registrati durante una live studio session realizzata dall’artista, accompagnato dalla band, nei prestigiosi Forum Studios di Roma, luogo storico che ha ospitato grandissimi artisti come il Maestro Ennio Morricone nella realizzazione di molte delle sue meravigliose colonne sonore.

BELVEDERE è un disco in cui Galeffi osa negli arrangiamenti e lo trova rinnovato anche dal punto di vista autoriale. Una crescita, quella musicale e personale, che si percepisce anche dai suoi testi, attraverso i quali si scopre, mettendo più a nudo che mai anche le sue fragilità e debolezze, provando ad andare oltre i temi che tanto gli sono stati cari nei precedenti lavori. Figlia della maturità acquisita negli ultimi anni è la sua attuale capacità di analizzare le relazioni interpersonali e il mondo che gira intorno con occhi nuovi e uno spirito sicuramente diverso.

Non è improprio dire che BELVEDERE sia un album squisitamente pop, nato da una fase creativa e di contaminazione che ha aperto Galeffi a tante collaborazioni: da quelle con diversi produttori (Iacopo “BRAIL” Sinigaglia, Tommaso Colliva, Fabio Grande, Mamakass, Alessandro Forte e Matteo Cantagalli, fratello dell’artista all’esordio nelle vesti di producer) a quelle con amici autori (come Leo Pari e Zibba). A questa nuova fase musicale dell’artista non è mancata nemmeno la complicità di musicisti di spessore: Enrico Gabrielli e Massimo Martellotta (Calibro 35), Carmelo Patti, Robbo Scogna, Filippo Cornaglia (Niccolò Fabi, Andrea Laszlo De Simone), Francesco Aprili (Giorgio Poi), Sebastiano Burgio (Mannarino, Davide Shorty, Aine, Massimo Ranieri), Danilo Bigioni (Flaminio Maphia, Neffa, Diodato, Morricone). 

Ha preceduto “BELVEDERE”, il suo secondo album “SETTEBELLO”un lavoro definito dallo stesso artista“coraggioso, con un occhio verso il passato e l’altro rivolto al futuro”, un vero e proprio ponte tra i successi genuini del suo esordio discografico e la bellezza senza confini dei brani contenuti nell’ultimo progetto.

Ti potrebbe anche piacere
sanremo

Sanremo: solo spoiler o anche strategia di marketing?

Gli spoiler dei brani in gara poco prima del Festival di Sanremo (siano testi o spezzoni di melodie) sembrano ormai essere diventati una tradizione. Proprio questa ciclicità ci ha portato a chiederci se fossero solo ingenui spoiler o qualcosa in più.