amici 22 nona

Amici 22: alla nona puntata le cose si fanno serie

Finalmente arriva una puntata di Amici 22 dinamica e ricca di gare (forse troppe e troppo accavallate tra loro) però ci piace di più così.
1 Condivisioni
1
0
0

Maria, se ci leggi, grazie! Lamentavamo che le scorse puntate fossero state un po’ troppo lente e noiose, alla nona puntata di Amici la rotta è cambiata ed è stato un tripudio di gare con dei premi e delle sorprese che sicuramente fanno crescere i ragazzi, ma fanno piacere anche al pubblico e ai fan del programma. Poi, dato che ci ascolti, partirei con una domanda. Lo togliamo questo plexiglass tra i professionisti e i ballerini della classe?

Richieste e ringraziamenti finiti, ora andiamo per ordine e vediamo chi sono stati i migliori di questa nona puntata di Amici! Mi sembra giusto iniziare l’articolo promuovendo i nuovi singoli dei cantanti che arriveranno sulle piattaforme digitali ed entreranno in rotazione radiofonica su Radio Zeta. Il preferito della scorsa manche di inediti è stato (senza troppe sorprese) Tommy Dali. Questa settimana arrivano invece Niveo con la sua attesissima “Scarabocchi“, Piccolo G con “Più Mia e Aaron con “Universale“.

Direi di soffermarci proprio su Aaron che risulta vincitore di una specialissima gara di canto giudicata da tre giudici d’eccezione: Michele Bravi, Stash e il maestro Beppe Vessicchio. Questa volta, però, il premio non era solo per i cantanti ma anche per i ballerini che, invece, sono stati giudicati dalla coreografa Irma di Paola, alternando le esibizioni di canto e ballo. I cantanti si sono esibiti presentando i loro inediti e “Universale” ha conquistato anche i giudici. Dietro di lui Federica, a cui tre autori hanno donato un inedito che, nonostante riprovi le sue indiscutibili capacità interpretative, non è a mio parere cucito bene su di lei a livello di genere e ritmica.

amici 22 inediti

Piacciono molto anche NDG, Cricca e Wax, arriva ultimo con una sufficienza piena Niveo, che da una settimana a questa parte, per un po’ di paure e ansie che hanno preso vita anche a causa di alcune dinamiche createsi in casetta, non è riuscito a cantare bene come le prime puntate. Lorella sarà capace di aiutarlo a riprendersi e a ritrovare una certa sicurezza nell’esibirsi?

Il premio per il primo classificato? Un’occasione unica, far conoscere la propria musica ai quasi 4milioni di italiani che, ogni sabato sera, aspettano l’inizio di uno dei programmi più amati della TV generalista: Tu Si Que Vales. Aaron canterà allora il suo inedito e, ad accompagnarlo danzando, ci sarà il primo ballerino classificato della gara di ballo: Gianmarco che questa volta, per solo mezzo punto, è riuscito a rubare la medaglia d’oro a Samu.

Al terzo posto arriva Ludovica che, nel suo stile, coinvolge in maniera entusiasmante il pubblico, con sicurezza e presenza scenica, mentre l’ultimo posto tocca, inaspettatamente, a Ramon. Il ballerino della maestra Celentano si cimenta in una coreografia di latino contaminato, ma questa miscela di generi (nonostante la totale sicurezza del ballerino) non ha per niente convinto la giudice esterna.

Amici 22 – La gara di improvvisazione e l’inedito più radiofonico

amici 22 maddalena ludovica

La gara per conquistare uno spazio durante la finale di Tu Si Que Vales non è stata l’unica di questa puntata. In studio entra Samuele Barbetta, compagno di scuola dell’edizione di Giulia Stabile (nonché uno dei suoi migliori amici), assieme hanno lavorato addirittura alle coreografie delle date nei palazzetti di Sangiovanni. Samuele, un ballerino che a dire solo “geniale”, si ha la sensazione di essere riduttivi; un ballerino che racconta storie nitidissime col suo corpo e il suo viso; il mago dell’improvvisazione ed è proprio questo che deve dimostrare ai ballerini di questa edizione di Amici.

Una gara difficilissima a cui, con estremo coraggio, si offrono come sfidanti tre ragazze: Ludovica, Maddalena e Claudia (che, assieme a Samuele, ha regalato uno dei momenti più commoventi della storia del pomeridiano di Amici. Fiumi di lacrime… Ma ne parliamo dopo). A loro vengono dati degli oggetti, le linee narrative di una storia e le intenzioni da trasmettere, il loro compito era dar vita a questa storia e comunicarla con il loro corpo e con l’arte della danza. A giudicare la gara Giulia Pauselli che, per la bravura delle ragazze, non riesce a scegliere tra Ludovica e Maddalena, vincitrici a parimerito.

Claudia rimane sconfortata (anche dopo la posizione bassa nella classifica precedente) ma, assieme a Samuele, balla, ancora più emozionata di prima, la poesia di Vecchioni “Sogna Ragazzo Sogna“, una di quelle canzoni che dovrebbero far ascoltare a tutti i giovanissimi delle scuole superiori. Un’esortazione a sognare, a credere nelle emozioni, a farle vedere queste emozioni meravigliose senza ascoltare quelli che “ti diranno parole rosse come il sangue“.

Un momento particolarmente esplicativo di quello che era appena successo, con la colonna sonora perfetta che descrive esattamente i sentimenti dei ragazzi che entrano in questa scuola con valige piene di sogni e con la speranza che, usciti da lì, quei bagagli si alleggeriscano di un po’ di di questi riempiendosi, però, di consapevolezza e di tante lezioni professionali e, soprattutto, di vita.

Ti potrebbe anche piacere